Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
29 mag

Campidoglio, bagarre in Aula contro le nuove regole su ambulanti e bancarelle

Urla e striscioni in un’Aula infiammata dalle polemiche contro la delibera “salva Tredicine”. Le proteste di abitanti e municipio non sono state sufficienti a fermare la proposta di modifica della delibera sul commercio su suolo pubblico che dal primo pomeriggio è in discussione in Campidoglio. Il provvedimento, firmato dal presidente della commissione capitolina Commercio, il 5 Stelle Andrea Coia, contiene una serie di norme che, se saranno votate, saneranno il caos delle bancarelle e dei venditori ambulanti nel centro storico.

Un provvedimento contro cui è stato espresso parere negativo da parte del Segretariato generale del Comune e per questo motivo la capogruppo del Pd in assemblea capitolina, Michela Di Biase, ha chiesto la sospensione della discussione della delibera. “Tutta l’amministrazione – ha spiegato Di Biase – sarebbe esposta a possibili rilievi della Corte dei Conti”. A chiedere un rinvio è stato anche il consigliere dem Orlando Corsetti. “La votazione del provvedimento in Aula Giulio Cesare è stata inserita con un blitz nell’ordine del giorno del consiglio comunale – ha precisato – ho scritto al prefetto Paola Basilone per chiedere di annullare la seduta per presunte irregolarità”. Lo stesso Corsetti a marzo aveva depositato una proposta per la modifica della delibera, ma l’atto oggi non sarà votato dai consiglieri comunali.

Nonostante le richieste dell’opposizione, la seduta è stata aperta, ma l’intervento del 5Stelle Andrea Coia ha suscitato le proteste degli ambulanti presenti in Aula tra il pubblico. “Nonostante la delibera venga da lontano, esistono ancora associazioni di categoria che dicono che non hanno potuto partecipare, ha detto Coia nel suo intervento – Noi siamo contro nessuno ma la situazione attuale sul commercio non può rimanere quella che è”, ha dichiarato Coia. “Il provvedimento – prosegue – è composto da 53 articoli molto sofferti, si tocca un settore martoriato e uno dei più degradati preservando il lavoro e cercando di dare un maggiore decoro”.

Parole che sono state accompagnate dagli applausi dei consiglieri 5 Stelle, che hanno esposto cartelli con la scritta “Basta bugie, verità”. “Nessuno ci ha ascoltati, buffoni” hanno replicato gli ambulanti e tra urla e proteste il presidente grillino dell’Aula, Marcello De Vito, ha dovuto sospendere la seduta. Dopo la bagarre M5S ha improvvisato una conferenza stampa per lanciare l’hashtage #AssepdTredicine.

Intanto, a protestare contro la delibera sono i rappresentanti del parlamentino del centro storico. “Come I Municipio abbiamo espresso parare negativo sul piano Coia – chiarisce la presidente del parlamentino, la pd Sabrina Alfonsi, presente in Aula – modificando la delibera potevamo avere l’occasione occasione per introdurre nuove regole, chiare e più severe per contrastare l’abusivismo, rendere vivibili i nostri rioni e tutelare il decoro del nostro territorio, patrimonio dell’Unesco. Ma tutto questo non è stato fatto”.

Se le nuove norme venissero approvate, le sanzioni per gli ambulanti infedeli sarebbero più basse. Multe più ridotte, dunque, per chi ad esempio vende merce non prevista dalla licenza (come le bancarelle di fiori che propongono souvenir e bijoux), oppure per chi allestisce i banchi con tavoli e tendoni non a norma. “Ma l’aspetto più inquietante è che tutte le bancarelle anomale, ovvero la cui licenza doveva essere riesaminata perchè allestite davanti a monumenti o piazze di pregio, entro 90 giorni saranno sanate e potranno continuare a occupare le zone più belle della città” denuncia Nathalie Naim, consigliera radicale del I Municipio.

Pareri negativi che sono stati completamente ignorati dalla commissione Commercio del Campidoglio. Tra le misure contestate dal piano 5 Stelle c’è l’apertura serale dei mercati rionali, con i banchi che potranno

trasformarsi in spazi di somministrazione o vendita di cibo caldo. “In questa maniera si correrà il rischio di rendere ancora più invivibili i rioni assediati dalla movida” attacca Matteo Costantini, consigliere del I Municipio. E Naim aggiunge: “I mercati sono lo scrigno in cui vengono custodite le eccellenze dei quartieri, sono luoghi di socializzazione e incontro. Snaturarli con le aperture notturne significherebbe dare l’ennesimo colpo ai rioni”.

es_ES
it_IT
en_US