Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
12 feb

Caso Berdini, Raggi: “Pensi a lavorare, la pazienza ha un limite”. Marra, interrogatorio a indagini chiuse

“Continuo a leggere interviste e dichiarazioni. Sinceramente non so dove trovi il tempo. C’è da lavorare e da lavorare tanto, noi lavoriamo anche fino a notte fonda. Lui sa bene che ci sono dei dossier da portare avanti e per senso di responsabilità nei confronti di Roma e dei cittadini dovrebbe farlo. “Poi vi dico, la pazienza delle persone ha un limite… “. Il sindaco di Roma Virginia Raggi arrivando in Campidoglio torna sul caso dell’assessore all’urbanistica Paolo Berdini, finito nella bufera nei giorni scorsi per un colloquio con La Stampa in cui definiva la sindaca “impreparata” e “circondata da una banda”. Interrogato sulla permanenza di Berdinini in giunta il presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito ha glissato: “Se Berdini può ancora restare nella Giunta Raggi? No comment”. Le parole di Raggi arrivano dopo la lettera scritta da Berdini e pubblicata questa mattina dal Fatto Quotidiano in cui l’assessore si dice vittima di un “accanimento mediatico senza precedenti” e sostiene di aver difeso la legalità inseme con la sindaca e di essere pronto a farlo ancora.

Condividi

Mazzillo: “Lavoriamo anche con aiuto Berdini”. “Abbiamo un’assemblea straordinaria domani sui punti verde qualità e su questo stiamo lavorando, dobbiamo dare delle risposte ai cittadini. Questo è il lavoro che stiamo facendo, tutti insieme, anche con l’aiuto di Berdini. Ci sta aiutando e sta collaborando con tutte le strutture”. Lo afferma l’assessore capitolino al Bilancio, Andrea Mazzillo, entrando in Campidoglio. A chi gli domanda se l’intenzione quindi sia quella di confermare la fiducia all’assessore all’Urbanistica ribatte: “Io sto dicendo solo che si continua a lavorare, poi su quelle che sono le volontà personali io non sto qui a sindacare”

Condividi

Marra, slitta l’interrogatorio. Intanto sul fronte giudiziario si apprende che slitterà l’interrogatorio, fissato per domani nel carcere di Regina Coeli, di Raffaele Marra, l’ex capo del Personale del Campidoglio detenuto dal 16 dicembre scorso per un episodio di corruzione in concorso con l’imprenditore Sergio Scarpellini. Marra, che è indagato per abuso d’ufficio assieme alla sindaca Virginia Raggi (cui è contestato anche il reato di falso) in relazione alla nomina di suo fratello Renato, da vicecapo dei vigili urbani alla Direzione Turismo del Comune, sembra intenzionato a rispondere alle domande dei magistrati della Procura solamente quando le indagini a suo carico saranno concluse. A quel punto, una volta avuta piena contezza di tutte le contestazioni mossegli dai pm grazie al deposito degli atti, l’ex braccio destro della sindaca valuterà, assieme al suo difensore (l’avvocato Francesco Scacchi), se sottoporsi o meno all’interrogatorio.

La lettera di Berdini. “Sono di fronte a un accanimento mediatico senza precedenti. E c’è un perché: la posta in gioco è alta e si chiama Stadio di Tor di Valle. Insieme a una complessiva azione di rientro nella legalità che la giunta Raggi, seppur tra incertezze e inadeguatezze, ha portato avanti finora”. Stadio, aggiunge, che è “la più imponente speculazione immobiliare del momento in Europa”, scrive Berdini.

“Per mesi sono stato l’assessore ‘contro’, anche nella riunione che si è tenuta martedì 7 febbraio nel mio assessorato. Che non si è conclusa come i fautori del progetto speravano. Il giorno seguente, guarda caso, viene pubblicata un”intervista truffa’. Con una sapiente regia delle uscite un quotidiano pubblica prima una conversazione, poi una registrazione audio e infine un altro stralcio di quell’audio.

Tutto riferito a fatti risalenti non al giorno prima, ma addirittura a venerdì 3 febbraio”. “Quel venerdì”, aggiunge, “un ragazzo mi si è presentato nella sala della conferenza come un militante Cinquestelle e abbiamo parlato a lungo di alcune questioni romane. Solo dopo, all’esterno, sono caduto nella trappola con una registrazione illegale. È evidente che vogliono farmi fuori”.

“Oggi il M5S, se vuole, ha la grande opportunità di continuare l’azione fin qui intrapresa per far cambiare passo a Roma. Lo stadio di Tor di Valle è il banco di prova per fermare blocchi di potere che da sempre difendono la speculazione fondiaria e finanziaria a scapito dei diritti dei cittadini. Se la Raggi vuole fare questa battaglia mi troverà al suo fianco. In caso contrario, le mie dimissioni sono già sul suo tavolo”.

Secondo quanto si apprende la sindaca prima di sciogliere la riserva riguardo all’assessore all’urbanistica Paolo Berdini incontrerà la maggioranza pentastellata capitolina. Nel pomeriggio di oggi è programmato un vertice di maggioranza, come ogni lunedì, ed è probabile quindi che il sindaco partecipi alla

riunione e che parte del confronto di maggioranza possa riguardare l’assessore Berdini. Poco prima del sindaco Raggi era entrato a Palazzo Senatorio anche il deputato pentastellato del gruppo di supporto ai Comuni Alfonso Bonafede il quale ha confermato di essere in Campidoglio per incontrare Raggi. È possibile che a termine di una giornata di confronti, quindi, il sindaco Raggi sciolga la riserva in serata rispetto all’assessore Berdini.

es_ES
it_IT
en_US