Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
1 mag

Comunali a Roma, Marchini: “Berlusconi vuole vincere, nessun patto segreto per Renzi”

“Berlusconi vuole vincere e sceglie chi più facilmente può vincere con la Raggi, come dicono i sondaggi che fece lo stesso Casaleggio. Berlusconi ha scelto di aiutarmi ad arrivare al ballottaggio. In questo trovo tutto tranne la volontà di aiutare Renzi. E’ come se io dessi uno schiaffo a uno e poi gli dicessi che lo faccio per il suo bene”. Alfio Marchini durante la trasmissione televisiva Omnibus smentisce le indiscrezioni e le ricostruzioni secondo cui ci sarebbe un patto segretoper rafforzare Renzi. “Dare una mano a Renzi? Secondo me è l’opposto. Io sono l’unico a poter competere con Raggi al ballottaggio e Berlusconi, che vuole vincere, ha scelto di rafforzare me proprio per batterla. Sono ovviamente molto più forte di Meloni” e quindi nella scelta di Berlusconi “trovo tutto fuorché la volontà di rafforzare Renzi”, ha concluso.

Quanto a Guido Bertolaso, Marchini spiega che sarà nella squadra “come assessore e anche molto di più. Io considero bertolaso una straordinaria risorsa, stiamo pensando per lui a un ruolo ad hoc che vada ben oltre roma e che occupi tutta l’area metropolitana e possa valorizzare tutto il potenziale di capacità e competenza di lavoro che questa città deve dimostrare”.

Intanto sempre sul fronte centrodestra arriva l’attacco di Matteo Salvini, sostenitore di Giorgia Meloni nella corsa al Campidoglio. “I sondaggi io li faccio in strada, quando ogni settimana vengo a Roma per lavoro, ascoltando le persone, i taxisti, i vigili, gli studenti, gli operai, i poliziotti, che mi dicono di non mollare con la Meloni, perché è la candidata giusta. Rinnovo la mia convinzione, Marchini prenderà la metà dei voti rispetto a Meloni e al ballottaggio andranno Meloni e Raggi. A quel punto sarà Berlusconi a dover scegliere cosa fare o cosa non fare, sperando che abbia una sola idea al giorno. Io ho tanti difetti, però quando mi metto una cosa in testa vado fino in fondo”.

Anche il candidato pd Roberto Giachetti, ospite di Rtl. non ha risparmiato le critiche agli avversari: “Vedo che Raggi firma un contratto secondo il quale per decidere sulle cose più importanti deve rivolgersi alla Casaleggio e associati, che la Meloni è nelle mani di Salvini, vedo che dopo Bertolaso

Berlusconi appoggia Marchini. Ho la sensazione che tutti questi candidati in qualche modo siano appesi a decisioni che vengono prese a Milano. Penso di essere l’unico che, con tutti i limiti e difetti – non credo di essere SuperMan – possa garantire ai romani che le scelte su Roma saranno prese a Roma e da solo”.

“Se, come credo, il nuovo stadio della Roma sta dentro i paletti della legalità e della sicurezza, ritengo sia una grande opportunità”.

es_ES
it_IT
en_US