Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
17 mag

Comunali a Roma, Raggi: “Da staff garanti approvazione preventiva di ogni atto”

Salvini, Vaticano, Metro C e Olimpidi alcuni dei temi al centro dell’intervista di Radio Capital a Virginia Raggi candidata sindaco del Movimento Cinque Stelle per la poltrona di sindaco di Roma. Nessun endorsment da parte di Matteo Salvini, il leader della Lega che aveva dichiarato che in caso di ballottaggio senza Giorgia Meloni avrebbe scelto la grillina. “Non è un appoggio, sono dichiarazioni. Salvini non mi pare voti a Roma. Talvolta le dichiarazioni sono fatte così. Salvini si presenta con un’altra forza politica. Ho difficoltà a capire perché faccia dichiarazioni di questo genere”. “Il voto è personale. Ognuno voterà chi ritiene in base ai programmi” aggiunge.

Rispondendo alla domanda ‘che cosa farebbe se ricevesse un avviso di garanzia come Pizzarotti’, (il sindaco di Parma sospeso dal movimento perché indagato) Virginia Raggi spiega: “Innanzitutto c’è una regola di trasparenza, bisogna valutare il contenuto dell’atto e poi prendere i provvedimenti. Però non possiamo parlare in base ai se e ai ma…” Poi ha poi aggiunto: “Il punto è se la magistratura rileva elementi di tipo penale, perché se così fosse allora lì si pone un problema e se il mio operato diventa problematico… non stiamo giocando, insomma”. Poi torna sulla questione Olimpiadi : “Tutte le città che hanno ospitato i giochi si sono straindebitate, Roma in questo momento non è in grado di ospitare i Giochi.Se vogliamo investire sullo sport, dobbiamo pensare allo sport di tutti i giorni”.

“Grillini incoerenti”, commenta Raffaele Ranucci del Pd: “Vedo che Virginia Raggi continua a dire di no, con argomenti sinceramente risibili, alla candidatura di Roma alle Olimpiadi. Sarei curioso di sapere se questo suo no è ordinato dalla Casaleggio & associati o una sua scelta autonoma o eterodirette”

Sull’Imu per gli immobili del Vaticano Raggi ritiene che ci sia un buon margine per avviare un confronto, “visto che lo stesso Papa Francesco ha detto che gli immobili commerciali devono pagare l’Imu”. Mentre sulle unioni civili, a differenza di Alfio Marchini che aveva dichiarato che in caso di vittoria non le avrebbe celebrate, non ha dubbi: “Non c’è nessun equivoco per quanto mi riguarda, le celebrerò”.

E sulla questione Metro C, la Raggi ribadisce: “è costata più del doppio rispetto al tracciato previsto, sono state chieste 45 varianti: è un progetto nato già sbagliato. Intanto la facciamo arrivare

fino a Colosseo, altrimenti non serve a nulla, poi fermiamo tutto e capiamo come e se proseguire”.

Ma Virginia Raggi riuscirà conciliare i suoi impegni familiari in caso di vittoria? “Io tutto questo lo sto facendo perché c’è mio figlio – risponde – e quindi farò attenzione ad aver cura di non rovinare il rapporto con lui, organizzando bene i miei impegni, qualora diventassi sindaco”.

es_ES
it_IT
en_US