Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
28 mag

Comunali, scintille al confronto in tv tra Giachetti, Meloni e Marchini

Confronto tra tre candidati sindaco di Roma a Domenica Live su Canale Cinque. Ospiti di Barbara D’Urso: il candidato del centrosinistra per il Campidoglio Roberto Giachetti (Pd); la candidata Giorgia Meloni (FdI supportata tra gli altri da Noi con Salvini) e il civico Alfio Marchini appoggiato anche da FI.

“La candidata del M5S non ha accettato il nostro invito. La sua poltrona è vuota”, ha esordito la D’Urso. “Noi dobbiamo rispetto ai romani, una forma di rispetto è confrontarsi, non si può scappare sempre”, il commento da Giachetti. “Le avevamo anche detto che se veniva poteva tenere l’auricolare per farsi suggerire risposte dalla Casaleggio”, ha rincarato Meloni.

Ma i battibecchi non sono mancati neppure tra i tre candidati presenti. “Marchini, noi dobbiamo muoverci dentro il contorno delle norme. I problemi non si risolvono con i responsabili di quartieri. I municipi, che sono grandi città, hanno bisogno di sindaci con poteri”, ha detto Giachetti. “Ma in 20 anni non avete fatto nulla…è un piano mai attuato. Chi ha governato in questi anni”?”, ha ribattuto Marchini. “Anche Alemanno che ti porti appresso”, la replica di Giachetti.

Frizioni verbali anche tra Meloni e Giachetti in tema di rifiuti. Giachetti è intervenuto mentre Meloni spiegava la sua ricetta per Roma e lei ha replicato: “Tu devi spiegare il programma tuo, non il mio, avete governato 50 anni dai…”. “Sei la superwoman….- le parole di Giachetti – Io le spiego le mie cose. Serve la riorganizzazione dell’Ama”.

Nuovo round tra Meloni e Marchini. “Io mi sono candidata perché penso di saper fare meglio di te il sindaco. Io posso essere un ottimo sindaco-mamma – ha affermato la leader di FdI -. Se sono capace o no di fare sindaco non lo decidi né tu, né i poteri forti che rappresenti”. “Io ho difeso Giorgia quando qualcuno ha detto che non poteva fare il sindaco perché futura mamma. – ha precisato Marchini – Io dico che secondo me oggi serve qualcuno che ha più capacità gestionali che politiche. Tu sei una politica, serve qualcosa di diverso”. “I romani sanno chi sono e io non nascondo la macchina”, l’affondo di Meloni. “La mia macchina io l’ho pagata con i miei soldi, ma andate a lavorare!”, ha sbottato Marchini.

Scintille anche sulla gestione degli immobili pubblici. “La prima arma” dell’amministrazione “è il controllo – secondo Giachetti -: ci sono i furbi che vanno buttati fuori e le persone in emergenza sociale. Noi non possiamo trattare nello stesso modo la onlus che si occupa di Sla e, per la mia parta, il circolo del Pd di via dei Giubbonari. Sono due cose diverse. Dobbiamo riportare legalità con determinazione ma dobbiamo anche essere coscienti che nella nostra città il disagio e la fragilità avanzano e servono risorse per assicurare a chi ne ha bisogno la possibilità di vivere in una condizione umana”. “Scusami – è subito intervenuto Marchini – . Io nutro grande simpatia umana per Roberto e penso sia una persona per bene però mentre noi parliamo il Pd deve 900 mila euro al Comune di Roma. E’ il tuo partito: pagate sto conto! – poi rivolto alla Meloni – Anche tu, con tutto il rispetto . Voi dovete 160 mila euro per Corviale, mi dicono anche che c’è una morosità

di 53 mila euro alla Garbatella. I partiti devono pagare”. “Ma di che stai parlando?”, la replica della Meloni che si è messa a ridere.

“Non solo vogliamo pagare – ha risposto Giachetti – ma se in questo momento non abbiamo pagato è perché ci sono problemi da parte dell’amministrazione comunale. Puoi rivolgerti a Tronca e chiederglielo. E io ho preso posizione pubblica sulla questione, stai ripetendo quello che ho detto”.

es_ES
it_IT
en_US