Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
22 giu

Da Città della Pieve a Poggio Moiano, cinque feste celebrano l’ultimo fine settimana di giugno

Da Città della Pieve fino a Poggio Moiano, alla scoperta di due fra le infiorate più suggestive d’Italia; oppure a Leonessa, che celebra il suo passato con il Palio del Velluto, senza dimenticare la gastronomia tipica con la “ciummacata” di Cretone e i “sapori di…vini” di Montelibretti. Per gli amanti del gusto, del folclore e delle antiche tradizioni, si apre un fine settimana davvero ricco di eventi.

E’ il caso di Città della Pieve (Perugia), che il 25 e 26 giugno si trasformerà in uno splendido tappeto floreale di oltre 900 metri quadrati, in un tripudio di colori e profumi che accompagnerà i visitatori da Porta Sant’Agostino sino ai piedi della cattedrale in piazza del Plebiscito: è infatti in programma la 51esima edizione dell’Infiorata organizzata dai contradaioli del Terziere Casalino, che riproporrà le più belle opere delle passate edizioni. Un evento ricco di appuntamenti che fondono sapientemente arte, spiritualità, storia, gastronomia e antiche tradizioni popolari, dalla mostra mercato “Fiori in Fiera” alle chiese e alla città fiorita, fino alla “Taverna del Barbacane”, che proporrà gustose ricette della tradizione locale.

Sarà invece l’accesa rivalità fra i Sesti, le sei contrade che compongono Leonessa, ad animare il “Palio del Velluto” in programma dal 24 al 29 giugno nel grazioso borgo montano in provincia di Rieti. Tra rievocazioni storiche, spettacoli di fuoco e ricette rinascimentali da gustare nelle caratteristiche taverne, sarà possibile assistere ai caratteristici giochi della “palla grossa”, della “gara del pane” e della “giostra del velluto” per la conquista dell’ambito stendardo; e se nelle 6 taverne aperte per l’occasione che proporranno ricette rinascimentali e piatti tipici della tradizione locale si potrà pagare solo con il carlino, uno dei momenti più attesi resta lo spettacolare corteo storico-allegorico con oltre 600 figuranti in costumi d’epoca.

Porte aperte alle ricette di una volta anche in provincia di Roma. Cretone, famosa in tutto il Lazio per le sue terme, proporrà dal 24 al 26 giugno la “Pizza in Piazza” e la “ciummacata”: ovvero pizze a volontà, cotte in un grande forno a legna e condite con materie prime genuine e biologiche, e le lumache preparate come vuole la tradizione romana, con pomodori pelati, aglio, olio, sale, peperoncino, una vera prelibatezza da mangiare con apposite forchette o con i classici stuzzicadenti di legno; un’occasione per scoprire che la frazione di Palombara Sabina non è solo un paradiso da vivere nei primi giorni di calura estiva ma anche un luogo di antiche tradizioni culinarie legate a doppio filo al prodotto di punta del territorio, l’olio extravergine di oliva DOP.

E se “la vita è troppo importante per bere vini mediocri”, come sosteneva Wolfgang Goethe, a Montelibretti hanno fatto di questa frase il manifesto di “Sapori di…vini”, che tornerà ad animare dal 24 al 26 giugno il paese che sorge sulle pendici occidentali dei Monti Sabini. A ospitare l’evento saranno i caratteristici vicoli del borgo antico, con i visitatori che potranno passeggiare nel centro storico tra musica, profumi delicati e sapori genuini, all’interno di un percorso di incontri e degustazioni; oltre a una vasta selezione delle migliori etichette nazionali, in tavola saranno servite tante sfiziosità tipiche della cucina locale a partire dal piatto simbolo della festa, la deliziosa “pasta coi ficorilli”, dei piccoli fichi non ancora maturi.

E sempre dal 24 al 26 giugno un’altra storica infiorata animerà Poggio Moiano (Rieti), con oltre trecento metri di tappeti floreali posti lungo la passeggiata del centro che trasformeranno il borgo in una splendida tela sulla quale abili artisti dipingeranno, con i petali

dei fiori, caratteristici quadri con le più belle tonalità cromatiche che la natura offre; al termine della processione avrà luogo il solenne rito religioso e anche quest’anno stand gastronomici, mostre e spettacoli faranno da cornice alla manifestazione insieme alla consueta Sagra della bruschetta, dove sarà possibile assaggiare l’olio extravergine d’oliva della Sabina – una delle perle gastronomiche del territorio – e altre tipicità locali.

es_ES
it_IT
en_US