Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
5 mag

Dibattiti e tavole rotonde, a Roma la Notte bianca della legalità

Una giornata nella quale i rappresentanti della Giustizia dipingeranno il mondo della legalità agli studenti delle scuole romane. Teatro della “Notte bianca della legalità” sarà il tribunale penale di Roma che domani dalle ore 15 fino alle 23:30 accoglierà nei suoi corridoi 1400 scolari provenienti da 54 istituti superiori di Roma e del Lazio. Magistrati, forze dell’ordine, avvocati, notai, a cui saranno affiancati testimonial d’eccezione del mondo dello spettacolo, daranno vita a una serie di dibattiti e tavole rotonde sulla tutela dei diritti e sul contrasto ai reati, nei quali i giovanissimi saranno i veri protagonisti del percorso di legalità.

L’iniziativa è stata organizzata dall’associazione nazionale magistrati di Roma e del Lazio, in collaborazione con l’ufficio scolastico regionale del Lazio e l’ordine degli avvocati di Roma. Molte le autorità presenti: dai ministri della Giustizia, Andrea Orlando, e dell’Istruzione, Stefania Giannini, al procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, passando per il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e il commissario del Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca.

All’evento, inoltre, ci saranno artisti e personalità di cinema, sport, giornalismo e musica, testimonial d’eccezione del rispetto della legalità e delle istituzioni: dagli attori Carlo Verdone, Laura Morante, Ambra Angiolini, Claudio Santamaria e Ascanio Celestini, ai giornalisti Milena Gabanelli e Marco Travaglio; dai cantanti Fabrizio Moro, Max Pezzali e Alessandra Amoroso, ai campioni dello sport Patrizio Oliva, della boxe, la judoka Giulia Quintavalle e la campionessa di windsurf Flavia Tartaglini.

Il filo rosso della legalità e della giustizia si snoderà in 27 percorsi, ciascuno riconoscibile da un colore e da un argomento specifico ed intitolato simbolicamente ad un magistrato, ad un uomo o donna delle istituzioni, che per il proprio lavoro è caduto vittima della violenza delle mafie: dibattiti incentrati su alcuni temi portanti come la droga, l’illegalità nello sport, il terrorismo, la criminalità organizzata e la corruzione; tavole rotonde sulla violenza di genere, con le esperte dell’associazione Differenza donna, sul bullismo e il cyber bullismo; ma anche visite guidate nei posti più segreti del tribunale, come le celle e le sale intercettazioni, e anche viaggi nel mondo dell’avvocatura e del processo penale, dalla denuncia alla condanna, attraverso la rappresentazione teatrale dei vari stadi del fascicolo giudiziario in una vera aula. I ragazzi infine potranno assistere alle interpretazioni sul palco dei cantanti invitati

e vedere la pellicola pluripremiata agli ultimi David di Donatello “Lo chiamavano Jeeg Robot”.

In rappresentanza dell’Anm di Roma e del Lazio interverranno il presidente Mario Dovinola e il segretario Costantino De Robbio; Giacomo Ebner, presidente del comitato organizzatore dell’evento; Alessandro Taddei, rappresentante dei notai; Cristina Marcone, rappresentante del personale amministrativo e Aldo Minghelli, consigliere dell’ordine degli avvocati.

es_ES
it_IT
en_US