Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
2 feb

Elezioni Lazio, Zingaretti va oltre i partiti i suoi simboli sotto di 4 punti

Neanche il crollo del Pd, precipitato sotto la soglia psicologica del 20 per cento, sembra rallentare la corsa di Nicola Zingaretti. Il governatore uscente – forte di un notevole consenso personale – non solo riesce a far meglio degli altri candidati alla presidenza del Lazio, ma stacca pure tutte le liste schierate a suo sostegno. Incassando 4 punti in più rispetto alla somma totale degli alleati.

La sua inseguitrice più prossima, la grillina Roberta Lombardi, resta lontana, a 11 lunghezze di distanza; in compenso il M5S schizza al 27 per cento, diventando il primo partito della regione. Subito dietro si piazza lo sfidante di centrodestra Stefano Parisi, la cui performance – a campagna elettorale appena iniziata – è 5 punti sotto quella della sua coalizione. Dove a sorpresa si registra un testa a testa tra Fratelli d’Italia, partito sulla carta più radicato nell’Italia centromeridionale, e l’arrembante Noi con Salvini, che appare addirittura in leggero vantaggio.

Doppiato invece da chi lo precede in classifica, il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, uscito piuttosto malconcio dal braccio di ferro con Berlusconi. Mentre a segnare un buon risultato, specie in confronto a cinque anni fa, è CasaPound: Mauro Antonini sfiora infatti il 2,5 per cento. Di contro, pressoché irrilevante sembra essere Jean Leonard Touadi, da poco gettato nella mischia dalla ministra Beatrice Lorenzin: alla testa di Civica Popolare si aggira intorno al mezzo punto.

È la fotografia delle intenzioni di voto scattata dalla società Izi fra il 30 gennaio e il primo febbraio su un campione di 1059 cittadini residenti nel Lazio. Chiamati a esprimere la loro preferenza sui candidati e i blocchi principali di questa tornata regionale.

Zingaretti, candidato del centrosinistra, verrebbe scelto dal 36,6 per cento degli intervistati, più della somma totale delle sue liste, a riprova di un elettorato ormai avvezzo al voto disgiunto: tanti elettori sarebbero cioè propensi a scegliere lui come governatore, barrando però poi una lista concorrente. Prova ne è che la sua coalizione non tiene il passo, attestandosi al 32,5 per cento. Col Pd inchiodato al 19,8, Liberi e Uguali al 4,7, + Europa di Emma Bonino al 2, la Civica del presidente al 6: Civica che, se da un lato rappresenta un punto di forza, in grado di arrestare l’emorragia di cui sembrano soffrire i partiti alleati, dall’altro drena consensi sia ai dem, sia all’estrema sinistra. ” Questi numeri – spiega l’ad di Izi Giacomo Spaini – rivelano il grande successo personale di Zingaretti, il quale in un quadro ben più frammentato di quanto non fosse cinque anni fa, registra un risultato solo di poco inferiore al 2013. E se Leu, a livello regionale, va peggio rispetto alla media nazionale, è perché viene erosa dagli ex esponenti di Sel che corrono con la Civica del presidente”.

All’inverso Roberta Lombardi perde terreno rispetto al ” suo” M5S: lei si ferma al 25,7 per cento, i pentastellati stanno al 27, più di un punto sopra. “Dalla nostra analisi – prosegue il sondaggista – emerge un leggero spostamento di voti grillini su Pirozzi: segno che sulla deputata romana, all’interno dello stesso Movimento, non sembra esserci unanimità. Tant’è che il sindaco di Amatrice, insieme a Zingaretti, è l’unico a prendere più voti della sua lista”. Entrambi, Lombardi e Pirozzi, in ogni caso penalizzati dal fatto di correre con un solo simbolo all’interno di un sistema elettorale che premia invece le coalizioni.

La medaglia di bronzo risulta al momento assegnata a Stefano Parisi, catapultato nella campagna per il Lazio appena una settimana fa, in notevole ritardo rispetto agli avversari: grazie al traino degli alleati, tuttavia, Mr Chili è già attestato al 23,2 per cento, due punti e mezzo sotto la sfidante grillina. Ma il suo bacino potenziale è molto più alto: la coalizione di centrodestra viaggia intorno al 28,3 per cento, con Forza Italia al 12,7, Noi con Salvini all’8, Fratelli d’Italia al 7,6. Mentre non è stato possibile pesare Noi con l’Italia, la cosiddetta ” quarta gamba” allestita dai centristi di Lorenzo Cesa, ” che noi abbiamo inserito alla voce “altri” poiché comunque sposterà poco nel gioco del consenso interno alla coalizione ” , spiega Spaini. Il quale tuttavia avverte: ” Il centrodestra non ha ancora iniziato la sua campagna, è l’unico ad avere possibilità di crescita “. Chi invece appare in declino è Pirozzi: anche lui gode di un buon successo personale, tant’è che da solo vale l’11 per cento contro il 6,6 della lista con lo Scarpone. “I suoi voti in più sono quelli che mancano a Parisi: pure qui, il voto disgiunto è evidente”, argomenta l’ad di Izi. “Ma attenzione: anche a voler ipotizzare un ritiro del sindaco di Amatrice, posto che sarebbe un errore fare la somma algebrica dei suoi consensi con quelli di Parisi, il totale sarebbe comunque inferiore a quello raggiunto da Zingaretti ” , ragiona l’ad di Izi.

Altro dato sorprendente, il basso numero di elettori che dichiarano l’intenzione di non andare alle urne o di

astenersi: 16,1 per cento. E contenuto è pure quello degli indecisi: 20 per cento. E siccome questi ultimi ” finiscono in genere o per non votare o per distribuirsi in modo proporzionale su tutti i candidati”, stando così le cose, l’esito delle elezioni appare quasi scontato. ” Salvo ovviamente eventi imprevisti ed eclatanti ” , conclude Spaini. Anche se “dieci punti di distacco, a un mese dal voto, sono tanti ” . Davvero difficili da rimontare.

es_ES
it_IT
en_US