Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
19 mar

Emergenza buche a Roma, dopo le chiusure divieto di sosta per le automobili

In attesa che diventi realtà il “Piano Marshall”, il progetto anti buche da 17milioni di euro annunciato dopo la nevicata dello scorso febbraio dalla sindaca Raggi, i municipi e i comandi della polizia Locale si arrangiano come possono per garantire la sicurezza stradale. Così dopo le chiusure e l’abbassamento dei limiti di velocità a 30 chilometri orari. Da ieri c’è pure il divieto di fermata e di parcheggio. In questo caso però non per le buche ma per consentire i lavori di manutenzione ordinaria. Perciò fino al prossimo 30 aprile non è consentito parcheggiare in via Tuscolana (dal civico 495 al 481) e nel quartiere Salario in via Rieti (dal civico 26 fino a via Velletri).

Il nuovo elenco include pure: via Padre Reginaldo Giuliani, via Giannantonio Cavazzi e via Giovanni Marignolli alla Garbatella. Mentre continua ad allungarsi la lista delle strade chiuse “causa dissesto stradale”: da ieri pomeriggio è off limits via di Malafede nel X municipio. Uno dei quadranti più disastrati della città dove per otto giorni (dal 6 al al 14 marzo) era stata disposta già la chiusura di via di Acilia: l’unico collegamento per i quartieri Axa, Casal Paolocco e Acilia con la via Ostiense e la via Cristoforo Colombo. La strada era rimasta sbarrata per consentire i lavori di messa in sicurezza. Ma solo sulle buche più pericolose: ancora oggi è un colabrodo. Con i residenti del litorale sempre più esasperati che sono addirittura scesi in piazza sabato mattina chiedendo lo sblocco immediato dei bandi per la manutenzione ordinaria e straordinaria. E dalle parole sono passati ai fatti e hanno creato un gruppo, ” Tappa buchi sovversivi”, che arriva dove l’amministrazione tarda. Auto tassandosi hanno già acquistato 800 sacchetti di asfalto e hanno riparato le buche più profonde di via Usellini ( ad Acilia) e via Agostino Chigi (a Ostia Antica).

Ancora

una chiusura ieri, questa volta a San Giovanni, dove i caschi bianchi hanno imposto il divieto di transito – causa voragine – in via Alghero, tra via Oristano e piazza Castroreale.

Infine le piogge delle ultime ore hanno riaperto le buche appena coperte sulla Collatina, via Prenestina e sulle rampe della via Salaria in direzione Foro Italico dove i rattoppi non hanno retto neanche tre giorni. Infine, nuovi crateri si sono aperti sulla via Flaminia, la via Ostiense e la via del Mare.

es_ES
it_IT
en_US