Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
28 feb

Emergenza casa, attivisti di destra alla Regione Lazio: seduta sospesa. Occupata l’Aula



Durante i lavori in aula alla Pisana, un gruppo di attivisti di destra, guidati da Giuliano Castellino, ha effettuato un blitz interrompendo la seduta del Consiglio regionale del Lazio, in quel momento presieduta dal vicepresidente, Francesco Storace. Si è trattato di una decina di persone con delle bandiere dell’Italia: Castellino ha preso la parola e, ripreso da un videoperatore, ha sollevato per qualche minuto la questione dell’emergenza abitativa, chiedendo provvedimenti sul tema. Il presidente Daniele Leodori è quindi intervenuto, sospendendo la seduta.

Castellino e le persone che hanno costretto il presidente Leodori ad interrompere i lavori d’aula in Consiglio regionale del Lazio, dopo il blitz di pochi minuti fa, sono entrati dall’entrata laterale riservata ai consiglieri aggredendo e prendendo di peso, buttando a terra, il vigilante alla porta e facendo irruzione. Una delegazione sarà ricevuta da Refrigeri, mentre sono state chiamate le forze dell’ordine per intervenire.

“Si è trattato di una azione squadristica e fascista nella forma e nella sostanza – commenta Massimiliano Valeriani, capogruppoo Pd – Sono entrati dal retro, hanno forzato l’entrata, spintonato la vigilanza della Pisana. Hanno iniziato a fare un comizio sull’emergenza abitativa, il rifinanziamento della legge sul mutuo sociale. Non era mai accaduto che ci fosse in Aula un blitz come questo”. “Inaccettabile

sotto ogni profilo – ha aggiunto – Sono venuti qui perché la Raggi non li vuole vedere, e quindi vogliono vedere noi. Hanno detto che siccome vengono presi per i fondelli dall’amministrazione Raggi allora hanno ritenuto di venire in Consiglio regionale. Si è interrotto il normale svolgimento dell’assemblea, si è fatto un atto di prepotenza. La democrazia non è prepotenza – ha concluso Valeriani – ma regole e rispetto”.

es_ES
it_IT
en_US