Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
5 mag

Emergenza rifiuti a Roma, ultima chiamata: rischio commissario

Se non è il preavviso di un sempre più probabile commissariamento di Roma nella gestione dei rifiuti, poco ci manca. Frutto dell’ennesima fumata nera arrivata mercoledì nel corso dell’ultimo vertice sull’emergenza convocato al dicastero dell’Ambiente. “Siamo molto preoccupati “, conferma infatti il ministro Galletti, “i miei uffici stanno lavorando notte e giorno con quelli della Regione, cui spettano i poteri di pianificazione. Noi siamo costruttivi, ma certo bisogna cercare di risolvere al più presto una situazione che rischia davvero di degenerare”.

Un’azione congiunta per costringere il Campidoglio a uscire dalla latitanza in cui si è rifugiata da mesi, a dispetto dello stato pietoso in cui versa la città, dei cassonetti stracolmi, dei sacchetti che a ondate regolari restano a marcire per strada. Descritto con dovizia di particolari dall’assessore regionale Mauro Buschini nell’incontro di tre giorni fa al ministero.

È in quella sede che Buschini ha fatto l’elenco degli aiuti offerti all’amministrazione comunale per consentirle di smaltire l’immondizia prodotta (mediante trasferimento a Latina e Frosinone, Abruzzo e Toscana, persino in Austria, ora a rischio si sanzioni Ue) senza tuttavia mai ricevere alcuna proposta concreta per uscire dalla crisi. Anzi. Dalla collega capitolina Pinuccia Montanari è arrivata la stessa risposta di sempre: “Noi siamo per la strategia “rifiuti zero”, non abbiamo nessuna intenzione di costruire nuovi impianti né di individuare una discarica di servizio. Non ce n’è bisogno perché in base ai nostri piani nel 2021 raggiungeremo il 70% di raccolta differenziata “. Tutto peraltro messo nero su bianco nel primo piano industriale dell’Ama a trazione grillina, firmato l’altro ieri dall’amministratrice unica Antonella Giglio. Laddove si sostiene che entro i prossimi 4 anni Roma produrrà 200mila tonnellate di spazzatura in meno, realizzerà un numero imprecisato di stabilimenti di compostaggio e uno di selezione per plastica e alluminio (senza tuttavia indicare né dove, né quando, né come, il che equivale a un libro dei sogni), estenderà il porta a porta, rinnoverà il parco mezzi e riorganizzerà le officine. Una lista di buone intenzioni, che contiene però un’indicazione precisa: Ama non diventerà mai, al contrario di quanto immaginato dalla giunta Marino, un soggetto industriale capace di trasformare i rifiuti in risorsa.

È per questo che ieri, alla luce del nuovo allarme scattato nelle ultime 48 ore, Buschini ha spedito una lettera durissima all’assessora Montanari e alla sindaca Raggi. “Nonostante i numerosi sforzi compiuti dalla Regione per soddisfare ogni richiesta di supporto pervenuta da Roma Capitale, la gestione del ciclo dei rifiuti sembra oggi precipitare verso la crisi”, attacca l’assessore del Lazio, confermando tuttavia “la volontà collaborativa” già manifestata per evitare che “la situazione critica” fosse “governata e non debordasse oltre l’incontrollabilità “. Scrive l’assessore: “Come abbiamo ripetuto” in tutti gli incontri istituzionali, “la responsabilità di Roma Capitale non può essere laterale rispetto a quella che si vorrebbe far assumere da altri soggetti istituzionali “. Puntando il dito contro lo sport preferito dal M5S: lo scaricaribarile. “Roma Capitale deve esercitare pienamente tutte le sue prerogative e tutte le sue responsabilità “, avverte Buschini. Il rischio, altrimenti, è che a pagare il costo dell’emergenza siano i “molti territori della nostra regione impegnati a trattare i rifiuti” dell’Urbe, i quali infatti “lamentano disagi e preoccupazioni anche perché da Roma Capitale non arrivano segnali di inversione di tendenza tali da ipotizzare che il ciclo dei rifiuti possa concludersi nel perimetro metropolitano in tempi certi e con adeguate soluzioni”, accusa. Tradotto: il Campidoglio non sta facendo niente. Da qui l’ultimatum perché adotti “urgentemente tutte le misure di breve, medio e lungo periodo per mettere in sicurezza la salute, l’igiene e la tutela ambientale della città, permettendo anche alla Regione di concludere l’iter di adozione del nuovo Piano Regionale del ciclo integrato dei rifiuti ormai in fase conclusiva, ma che è condizionato dalle scelte che Roma Capitale dovrà compiere e che sono di sua esclusiva competenza e responsabilità “. Se non lo farà, è il sottinteso, la giunta Zingaretti è pronta a chiedere al governo il commissariamento del Campidoglio.

Risposta? Accuse ribaltate e rispedite al mittente: “La Regione ha un piano di gestione dei rifiuti vecchio, che risente della scelta del passato di avere come unico sbocco la discarica più grande di Europa”, dice Montanari. “Aprire nuove discariche è una strada non più percorribile”.

A corollario, l’esposto presentato da Ama per “sabotaggio” nel Tmb di Rocca Cencia. L’altra notte un escavatore ha smesso di funzionare, al mattino nel vano motore è stata scoperta una tanica che ostruiva l’aspirazione dell’aria. Un’azione che ha intralciato le operazioni di trattamento, facendo avanzare il sospetto di “un atto intenzionale per interrompere le attività dell’impianto “. Ma c’è già chi pensa all’ennesimo alibi per giustificare l’intollerabile sporcizia di Roma, ridot- ta come la Napoli dei tempi bui.non è il preavviso di un sempre più probabile commissariamento di Roma nella gestione dei rifiuti, poco ci manca. Frutto dell’ennesima fumata nera arrivata mercoledì nel corso dell’ultimo vertice sull’emergenza convocato al dicastero dell’Ambiente. “Siamo molto preoccupati “, conferma infatti il ministro Galletti, “i miei uffici stanno lavorando notte e giorno con quelli della Regione, cui spettano i poteri di pianificazione. Noi siamo costruttivi, ma certo bisogna cercare di risolvere

al più presto una situazione che rischia davvero di degenerare”.

Un’azione congiunta per costringere il Campidoglio a uscire dalla latitanza in cui si è rifugiata da mesi, a dispetto dello stato pietoso in cui versa la città, dei cassonetti stracolmi, dei sacchetti che a ondate regolari restano a marcire per strada. Descritto con dovizia di particolari dall’assessore regionale Mauro Buschini nell’incontro di tre giorni fa al ministero.

es_ES
it_IT
en_US