Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
2 ago

Formia, litorale invaso da frammenti di reti. Indaga la guardia costiera

Il litorale di Formia, nel sud della provincia di Latina, è stato invaso da centinaia di frammenti di retini di vari colori. Secondo il sindaco Sandro Bartolomeo si tratta dei residui delle attività di lavorazione dei vicini allevamenti di mitili e il primo cittadino ha deciso di presentare subito un esposto. Su quanto accaduto, in piena stagione estiva, intanto stanno indagando le guardie costiere.

La maggior parte di quei rifiuti sono stati individuati in acqua, accanto alle barche, lungo lo scivolo di alaggio del porticciolo Caposele. Un fenomeno che, in tali proporzioni, non conosce precedenti in una delle mete balneari più gettonate per i cittadini delle province di Frosinone e della vicina Campania. L’obiettivo dell’amministrazione comunale, che per presentare l’esposto ha interessato immediatamente l’avvocatura, è quello di far verificare alla Procura della Repubblica di Cassino la provenienza di quei frammenti di retini e le eventuali responsabilità degli operatori coinvolti.

Il sindaco Bartolomeo e l’assessore Claudio Marciano hanno inoltre già incontrato i vertici dell’Ufficio Locale Marittimo, che hanno avuto conferma dello strano fenomeno compiendo un sopralluogo anche in acqua. Le guardie costiere hanno inoltre convocato tutti gli armatori e i comandanti delle unità da pesca impegnate nell’allevamento di mitili, cercando di fare quanto prima chiarezza sull’accaduto. I rifiuti sono stati infine recuperati e smaltiti dalla “Formia Rifiuti Zero”, ditta incaricata dell’igiene urbana. “L’abbandono di rifiuti in mare è un reato penale – ha dichiarato il sindaco – che la Procura dovrà

accertare. E’ ora che la situazione degli impianti di mitilicoltura venga definitivamente affrontata. Non è più possibile che nelle procedure di lavorazione dei mitili i residui vengano sistematicamente abbandonati in mare per finire poi sul litorale di Vindicio. Avvieremo azioni volte all’individuazione dei responsabili e coinvolgeremo la Regione. Non è più tollerabile che si tratti il nostro mare come fosse una pattumiera”.

es_ES
it_IT
en_US