Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
16 mag

Grotte di Castro, parchi negati ai cani.Tar annulla ordinanza: “Limita libertà circolazione persone”

Non si può vietare ai cani l’ingresso in tutti i parchi pubblici di un paese. Un provvedimento del genere è “eccessivamente limitativo della libertà di circolazione delle persone”. Questo quanto ha stabilito il Tar del Lazio, che ha annullato tale divieto inserito in un’ordinanza emessa a febbraio dal sindaco di Grotte di Castro, piccolo centro della provincia di Viterbo, vicino al lago di Bolsena.

Il primo cittadino Piero Camilli, dopo aver raccolto numerose lamentele su cani che venivano lasciati liberi di scorrazzare all’interno dei parchi pubblici e sui marciapiedi e le aiuole continuamente sporcati dagli escrementi degli animali, che non venivano rimossi dai loro proprietari, il 5 febbraio scorso ha emesso un’ordinanza, con l’obiettivo di garantire la salubrità dell’ambiente nel centro di 2700 anime, il decoro e la sicurezza dei cittadini. Vietato così accedere alle aree verdi pubbliche con “Fido”, anche se tenuto al guinzaglio, far entrare i cani nella spiaggia sul lago, farli bagnare nel bacino lacustre, portarli in luoghi pubblici senza guinzaglio e non raccogliere gli escrementi dei propri animali.

Sui parchi off limits per il migliore amico dell’uomo ha però fatto ricorso al Tar l’associazione ambientalista Earth, in passato già vittoriosa nelle battaglie per le bau beach, tra Roma e Anzio, e per impedire l’abbattimento di bovini inselvatichiti

a Carpineto. E su tale fronte i giudici amministrativi hanno accolto le rimostranze degli ambientalisti e annullato la parte dell’ordinanza che vietava di entrare nelle aree verdi con i cani. Per il Tar gli obiettivi che il sindaco ha specificato di voler raggiungere con l’ordinanza può centrarli ugualmente facendo rispettare la legge, dall’obbligo del guinzaglio a quello di pulire dove il miglior amico dell’uomo sporca. Ma mai parchi senza “Fido”.

es_ES
it_IT
en_US