Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
23 feb

Il White Fly di DanHila all’Arciliuto

Avrebbe potuto essere una voce in fuga all’estero, ma invece ha scelto di restare in Italia e credere al suo sogno che sembra sempre più vicina. DanHila – all’anagrafe Danila Mazzei, napoletana di nascita ma orami saldamente ancorata a Roma – ha pubblicato da poco il suo primo disco “White Fly”, registrato in quei Abbey Road cari ai Beatles e sabato sera sarà in concerto all’Arciliuto in piazza di Montevecchio. Sul palco con lei anche Enzo Ferrari al gran piano, coautore dei brani di “White fly” con una raffinata miscela di jazz, soul e R&B. “White Fly è un concept album – spiega lei – perché racconta il mio mondo composto da persone cattive, buone e quelle speciali. A queste ultime, dedico il mio album, speciali e rare che conoscono il vero significato della vita offrendo aiuto senza nemmeno pensare di ricevere qualcosa in cambio. Un forte messaggio per l’umanità è che abbiamo bisogno di affrontare la realtà, la vita non è facile, ma con un piccolo sforzo si può creare qualcosa che potrebbe avere un impatto importante sull’ essere umano”.

Negli anni a DanHila – che nella vita organizza eventi e ha vissuto a lungo negli Stati Uniti – sono arrivate diverse proposte per la sua carriera musicale, da realtà estere e da altre nostrane come X Factor o The Voice, ma lei ha sempre rifiutato, convinta del suo sogno che ogni giorno sembra più vicino. Il concerto all’Arciliuto – inizio alle

20.30, ingresso a 15 euro – sarà soltanto una tappa di avvicinamento al secondo album. A produrlo sarà Robert Altman, batterista già a fianco di Rag’N’Bone ed Ed Sheeeran. Il padre, John, vanta scoperte eccellenti come Amy Winehouse e altri nomi da storia della musica: Van Morrison, Eric Clapton, Jimi Hendrix, Bjork – sua l’orchestrazione di “It’s oh so quiet” – e George Michael per il brano “Kissing a fool”.

es_ES
it_IT
en_US