Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
27 mag

La grande sfida sui mali di Roma: i candidati sul caos trasporti e rifiuti

I problemi di Roma, a partire da trasporti e rifiuti, infuocano la campagna elettorale ormai alle ultime battute. A tenere accesi i riflettori e la sfida tra i candidati sindaco, ci ha pensato anche il 28 maggio mattina l’ennesimo stop della metropolitana, il terzo giorno su quattro. E un rapporto della Confartigianato che dà a Roma il primato negativo dei costi più alti per l’igiene urbana insieme a quello per la maggiore insoddisfazione dei cittadini.

“Proposte surreali”. Pane per i denti degli aspiranti sindaci con Giorgia Meloni e Roberto Giachetti all’attacco specie di Virginia Raggi: la prima, che oggi ha presentato i 7 “obiettivi seri per governare”, bolla come “surreali” la proposta della pentastellata sui pannolini lavabili e quella di Marchini sui droni per controllare i campi rom. Il candidato Dem, rivendicando di aver un “programma di governo”, taccia la Raggi di voler far solo polemiche e di “non avere a cuore la città”. Ma l’avvocato 5 stelle va avanti e incassa anche l’endorsement di Sabrina Ferilli, che fa outing e annuncia il suo voto per lei.

Raggi: “Non sono inesperta”. E a chi la giudica inesperta, risponde: “Una certa esperienza l’abbiamo fatta, perché veniamo da tre anni in consiglio comunale”, e “ci facciamo aiutare dall’esperienza di tutte le persone che ci supportano”. Poi attacca Giachetti citando Nanni Moretti: “‘Giachetti dì qualcosa di Roma!’ invece di occuparti di noi”. E, in concreto, sul fronte rifiuti sottolinea: “l’obiettivo è ridurli alla fonte e ridurre la quota di indifferenziata che finisce in discarica, puntando sull’incremento della raccolta differenziata porta a porta”.

I trasporti. Mentre sui trasporti, interpellata sulla conferma di Marco Rettighieri a dg di Atac, prende tempo: “Adesso vediamo”, dice. E poi, nonostante un blitz dei movimenti per la casa che protestano perché non li ha incontrati, la Raggi taglia corto: “Quella poltrona è nostra e hanno paura, i cittadini hanno capito che solo con noi si cambia tutto”. Una certezza che la Meloni non condivide: “La legge mi impedisce di citare i sondaggi, ma un uccellino mi ha detto che i grilli non saltano più come una volta e se va bene arrivano all’altezza dei meloni. I gigli non vanno bene e c’è una Ferrari in panne sul raccordo”.

Giachetti: “Interventi immediati”. La sfida ora è sulle risposte da dare alla città, con ricette spesso non dissimili. Sul caos trasporti per Giachetti servono “interventi immediati già nei primi cento giorni con 150 autobus nuovi ecologici e 70 ad idrogeno, semafori intelligenti, potenziamento delle corsie preferenziali e sperimentazione di quelle contro il senso di marcia”. Sui rifiuti si dice certo che riorganizzando il servizio sarà possibile “abbassare la Tari”.

Meloni: “Raccolta differenziata”. Meloni spiega che il suo obiettivo è “raggiungere il 75% di raccolta differenziata in 5 anni”, e sulla Tari: “più differenzi e meno paghi”. Sui trasporti basterà “recuperare 200 milioni di euro dall’evasione e dagli sprechi” per migliorarli. Anche il candidato di Si-Sel Stefano Fassina vuole spingere la differenziata fino al 75% e da subito vuole “dimezzare la Tari per le botteghe artigianali e le attività commerciali che per due anni di seguito non hanno avuto utili”.

Marchini: “Guadagnare con i rifiuti”. Alfio Marchini invita “a non votare chi ha distrutto la città negli ultimi 15 anni. Va chiuso il ciclo dei rifiuti perché finalmente diventino un guadagno e non un costo come qui da noi”. E sui trasporti: “Finché hai una metropolitana che incassa la metà

di quella di Milano malgrado abbia il doppio dei passeggeri, ti mancano le risorse per fare investimenti sulla rete e sui mezzi. Vanno riviste le procedure di manutenzione in modo non più prorogabile”.

I faccia a faccia. Ora i faccia a faccia si trasferiscono in tv. Domani a ‘Domenica live’ su Canale 5 tra Meloni, Marchini e Giachetti. Martedì ci sarà su Sky l’unico al completo con i cinque big: con anche Raggi e Fassina.

es_ES
it_IT
en_US