Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
30 set

Latina, intimidazioni contro il sindaco Coletta in uno dei centri accoglienza migranti

Ennesima intimidazione, la terza nell’arco di un mese, alla giunta civica di Latina. Ignoti questa volta hanno preso di mira direttamente il sindaco, Damiano Coletta, alla guida del capoluogo pontino da metà giugno, dopo venti anni ininterrotti di esecutivi di centrodestra. Su un muro in via Gorgolicino, alla periferia della città, nei pressi di uno dei centri che dovrebbero ospitare a breve i migranti, è stata vergata una scritta minacciosa: “Laura Perazzotti e Damiano Coletta vi metto una bomba a casa, occhio”. Chiaro il messaggio in relazione all’imminente arrivo degli stranieri, considerando anche che la minaccia coinvolge, oltre al primo cittadino, la consigliera comunale presidente della commissione welfare.

Sul posto si è recata una pattuglia della Polizia e le indagini sono in corso. Come sono in corso quelle della Digos sull’episodio denunciato l’altro giorno dal consigliere comunale di maggioranza Fabio D’Achille che, il giorno del consiglio comunale, sul suo microfono, nell’aula consiliare, ha trovato un chiodo piantato con la punta rivolta verso l’esterno, dunque verso la bocca di chi da quello scranno parla. Senza contare che, venti giorni fa, nella notte era stata imbrattata la scuola in cui è preside un altro consigliere di maggioranza, Nino Leotta. Ignoti hanno lanciato vernice contro i vetri e vergato sui muri scritte oltraggiose, una delle quali rivolta anche al sindaco Coletta, svastiche e croci celtiche.

Mentre i rappresentanti di Latina Bene Comune, la civica messa in piedi dal primo cittadino, stanno valutando se organizzare una fiaccolata

per la legalità, Coletta non appare comunque disposto a cedere di un centimetro dinanzi alle minacce. Proprio questa mattina, infatti, il primo cittadino, nella conferenza stampa convocata per la presentazione del nuovo segretario di Lbc, ha ribadito che un certo sistema presente a Latina intende abbatterlo, parlando di un sistema appunto fatto di concessioni facili, contratti dubbi e cattiva amministrazione, con diverse complicità nella macchina amministrativa.

es_ES
it_IT
en_US