Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
2 lug

Lazio, Caio e Thauvin: Lotito accelera. Bielsa vuole Isla

Eccola, la prima “Locura”. All’amichevole in programma con gli spagnoli dell’Iberos il 17 luglio è stato modificato l’orario. Non più la sera, come qualsiasi altro test estivo, ma alle 10 di mattina. Così ha deciso Marcelo Bielsa. È solo l’ultima delle tante scrupolose novità che, dal giorno della sua firma sul contratto di due settimane fa, il tecnico argentino ha sottoposto alla Lazio e che in alcuni casi ha generato irritazioni e nervosismo. Comunque niente di irreparabile, Lotito lo ha assecondato in ogni sua richiesta (finora), anche quando sono spuntati fuori nuovi assistenti precedentemente non stabiliti (alla fine saranno addirittura 5, oltre ai 3 della società). Oppure quando il tecnico ha posticipato il suo arrivo in Italia per problemi legati al permesso di soggiorno.

Senza contare poi la questione mercato: Bielsa vuole almeno due acquisti pronti per l’inizio del ritiro di Auronzo di Cadore, la Lazio intende accontentarlo chiudendo prima possibile per Adriano del Barcellona (entro la prossima settimana dovrebbe riuscire a svincolarsi pure dal fondo d’investimento che detiene il 30% del cartellino) e Mauricio Isla della Juve, ex allievo del “Loco” ai tempi della nazionale cilena. La Lazio sta tentando di accelerare i tempi almeno per i due jolly (come alternativa c’è lo svincolato Beausejour), dopo si concentrerà sulle operazioni che portano a Florian Thauvin del Newcastle e Rodrigo Caio del San Paolo. E si lavora sui centravanti: dopo il “no” di Llorente restano in corsa Immobile,

Pellè e Pavoletti. L’ultima pista porta all’ecuadoriano Valencia del West Ham. Per il centrocampo spuntano le suggestioni Lemina della Juve e Mati Fernandez della Fiorentina, altri due ex “bielsani”. In difesa piacciono Gomez del Lanus, Barba dell’Empoli ed è stato sondato Gonzalez del Palermo. Ci si muove su più fronti, insomma. La società non vuole farsi trovare impreparata di fronte a eventuali nuove locure. E ci saranno.

es_ES
it_IT
en_US