Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
26 gen

Lazio, con il Milan senza Immobile. Inzaghi: ”Voglio una squadra affamata”

ROMA – Non ce l’ha fatta, Ciro Immobile. Fosse stato per lui sarebbe sceso in campo anche nella scorsa partita con l’Udinese, ma lo staff medico biancoceleste e l’allenatore Simone Inzaghi hanno cercato di farlo ragionare ed evitare di correre rischi inutili. Così l’attaccante della nazionale è rimasto fuori dai convocati per il primo dei due incontri in 4 giorni con il Milan, come spiega il tecnico: “Immobile sta migliorando, ma non era ancora in grado. Probabilmente avremmo potuto rischiarlo, ma nell’ottica delle tante partite si è parlato con lo staff medico e il ragazzo, per puntare ad averlo mercoledì in Coppa Italia nel migliore dei modi”.

IMMOBILE OUT, FELIPE ANDERSON IN POLE PER SOSTITUIRLO – Si apre così la corsa per sostituirlo, con Caicedo, Nani e Felipe Anderson (il favorito) in lotta per una maglia: “Nella mia testa ho ancora tanti dubbi, abbiamo disputato due partite con Chievo e Udinese che hanno portato via tante energie. Sicuramente in attacco abbiamo tanti giocatori e dovremo essere bravi a farli ruotare e capire quali siano i migliori per la partita che andremo ad affrontare. Caicedo ha qualche allenamento in più, è un’opzione che mi porto molto volentieri, sapendo che Luis Alberto è il più riposato e che Nani e Felipe Anderson mi hanno soddisfatto ampiamente quando sono stati impiegati. Il portoghese è un grandissimo giocatore. Può fare il centravanti, ma pure il trequartista. Nella sua carriera ha vinto tanto, ha avuto tantissimi allenatori e si è trovato bene con tutti, perché si mette al servizio della squadra e dello staff tecnico”. Con tutte queste frecce tra cui scegliere, Inzaghi vuole provare a infrangere il tabù Milan, visto che a San Siro la Lazio non vince dal 1989: “Sappiamo quello che troveremo, sarà una partita da affrontare nel migliore dei modi, contro un Milan in netta ripresa, che sta trovando ottimi risultati e sta cominciando a capire quello che vuole il nuovo allenatore. Dovremo fare una prestazione di livello”.

INZAGHI: “CON IL MILAN VOGLIO UNA LAZIO AFFAMATA” – Inzaghi, dall’alto del terzo posto, vuole rimanere più possibile in quelle posizioni: “La classifica è sotto gli occhi di tutti, è migliorata ma dovremo affrontare tutte le partite sapendo che quella che viene è sempre la più importante. Voglio una Lazio affamata, perché per vincere a San Siro servirà un’impresa: occorre la gara perfetta, perché se guardiamo la qualità dell’organico il Milan probabilmente è secondo solo alla Juventus. Ultimamente abbiamo tenuto un grande ritmo che dovremo confermare. Probabilmente alla vigilia del campionato nessuno avrebbe scommesso che potessimo essere in lotta con Roma e Inter, invece ora siamo sopra di loro. Abbiamo l’obbligo di rimanerci fino alla fine, continuando sull’onda dell’entusiasmo e delle certezze che abbiamo acquisito”. Possibilmente giocando questa gara senza lasciarsi condizionare da quella di mercoledì in Coppa Italia, sempre contro i rossoneri a San Siro: “Probabilmente alla vigilia dell’Udinese qualcuno aveva detto “bisogna pensare al Milan”. Io non sono d’accordo. La partita che viene prima è sempre la più importante, fermo restando che un allenatore debba essere consapevole dei tanti impegni”.

“LUCAS LEIVA MERITA LA CONVOCAZIONE CON IL BRASILE” – Infine un breve confronto tra l’ex capitano Lucas Biglia, adesso avversario, e il suo successore, Lucas Leiva: “Sono due grandissimi giocatori. Leiva ha avuto una capacità di inserimento che penso nessun giocatore abbia avuto nel campionato italiano. Veniva da 10 anni in Inghilterra, un gioco completamente diverso. È stato intelligentissimo e umile, penso che meriti la nazionale brasiliana. Di 30 partite ne ha saltate 2 in Europa League e una con la Spal in campionato. Ha fatto 27 gare una meglio dell’altra. Biglia sta tornando quello che tutti conosciamo, sarà molto motivato e per noi sarà un osservato speciale”.

es_ES
it_IT
en_US