Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
28 mag

Lazio, Immobile non basta. Delusione a Crotone: è solo quinto posto

La Lazio non rovina la festa del Crotone e lascia che realizzi il suo miracolo calcistico. Allo Scida finisce 3-1, risultato che insieme alla vittoria del Palermo sull’Empoli regala alla squadra di Nicola una salvezza impensabile fino a un mese fa. Il campionato biancoceleste praticamente si è concluso con la vittoria per 7-3 sulla Sampdoria di tre settimane fa, quella che ha segnato la qualificazione matematica alla prossima fase a gironi di Europa League.

Da quel momento sono arrivate tre sconfitte consecutive, 4 considerando pure la finale di Coppa Italia con la Juve. L’ultima ieri a Crotone, contro un avversario comprensibilmente più affamato e un Nalini in “versione Neymar”, capace di segnare i suoi primi due gol in Serie A e provocare entrambe le ammonizioni di Bastos, espulso al 42′. La Lazio esce sconfitta e chiude il suo campionato al quinto posto in classifica, a 70 punti. Nel finale, debutto di Spizzichino, terzino destro classe 1999. Resta una stagione di altissimo livello per Inzaghi, che si chiude con qualche rammarico di troppo: la quarta posizione persa in extremis e il mancato record di punti in una sola stagione, che resta alla Lazio del secondo scudetto (72).

Conquistato invece il primato dei cannonieri, perché anche se Keita era stato messo fuori uso dall’espulsione di Di Bello contro l’Inter, ci ha pensato Immobile a portare i “gemelli diversi” nella storia della Lazio: i due sono diventati la coppia gol più prolifica di sempre, davanti anche ai precedenti capolisti, Casiraghi e Signori, e i loro 38 gol realizzati nella stagione 1995/96. Con il calcio di rigore segnato, Ciro è arrivato a quota 23 in Serie A (suo record personale), che aggiunti ai 16 di Baldé Diao portano a 39 il totale. Anche per questo Inzaghi ha provato di tutto per convincere Keita a restare e ora si è affidato alla società, verso la quale nutre piena fiducia. Il ds Tare ha spiegato le prossime mosse di mercato, a partire proprio dai rinnovi dell’attaccante senegalese e di Biglia: “La Lazio è un punto d’arrivo, è importante avere giocatori motivati. Noi vogliamo che rimangano con noi e non è detta l’ultima parola. Con Lucas avevamo un accordo verbale, ma ho sempre detto che per stare tranquillo volevo prima vedere il contratto firmato “.

L’argentino ha tempo fino al prossimo weekend per scegliere tra l’offerta del Milan e quella

della Lazio. La società biancoceleste non può più aspettare: “Inzaghi – continua Tare – ha fatto delle richieste in base al livello raggiunto. La squadra è giovane, quindi arriveranno dei giocatori che sono nel calcio da diversi anni. Gli obiettivi saranno in linea con le ambizioni della prossima stagione. Occorre salire un gradino in più, anche per continuare a dare entusiasmo alla nostra gente, che ha ritrovato l’amore per questa squadra”.

es_ES
it_IT
en_US