Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
12 feb

Lazio, Inzaghi sotto pressione: “Ora piego Montella così torniamo quarti”

È una corsa all’Europa da brividi. Produce emozioni ma spaventa anche un po’. Perché tutte le concorrenti della Lazio hanno vinto: Fiorentina, Inter e Atalanta hanno travolto rispettivamente Udinese, Empoli e Palermo, così la Biancoceleste ha passato la notte al sesto posto e non è stato un bel riposare. La squadra di Inzaghi è sotto pressione, stasera deve rispondere battendo il Milan e centrando il controsorpasso su Inter e Atalanta. Il tecnico spinge i suoi: “Siamo in zona Europa perché l’abbiamo meritato sul campo. Dobbiamo mantenere alto il ritmo e tornare quarti: dopo i successi a Milano e Pescara, vogliamo la terza vittoria consecutiva”.

La sfida a Montella, che l’ha già battuto due volte (con Samp e Milan), è lanciata. I tifosi biancocelesti non hanno dimenticato i gol segnati nei derby dall’Aeroplanino, quando giocava nella Roma: una volta fece impazzire Nesta, costretto a chiedere il cambio nell’intervallo. “Io però ho un buon rapporto con i laziali in città, sento la loro stima nonostante il mio passato da avversario”, dice Montella: lo apprezza molto anche il ds Tare, che più volte ha tentato di portarlo sulla panchina biancoceleste. Ora il tecnico rossonero contende a Inzaghi un posto in Europa: “La sua squadra – sottolinea Simone – ha tanta qualità, con giocatori veloci e forti nell’uno contro uno. Ma anche noi abbiamo le nostre armi”.

Una di queste, il discusso Keita, la lascia inizialmente in panchina per poi utilizzarla nella ripresa: “L’ho visto concentrato e motivato. In settimana ha avuto un problemino (al ginocchio, ndr), però sabato ha lavorato bene: di sicuro è un giocatore molto importante per noi”. Si va verso la conferma del 4-3-3 visto a Pescara, ma con Lulic nel tridente a sinistra al posto del senegalese e Radu che torna titolare come terzino sinistro. Il bosniaco e il romeno nel primo derby di Coppa Italia non ci saranno: “C’è attesa per questa sfida con la Roma, certo, ora però pensiamo solo al Milan: la sconfitta immeritata dell’andata brucia ancora, vogliamo che questa partita finisca in modo diverso. Per noi è un altro esame di maturità”.

Almeno due i tabù da abbattere: Immobile non ha mai segnato ai rossoneri, la Lazio non ha mai battuto una big in questo campionato. Stasera l’occasione è ghiotta, considerando anche le assenze in casa Milan. Inzaghi però non si fida: “Loro hanno comunque un organico di altissimo livello, per batterli servirà una grande Lazio: la mia squadra è convinta della propria forza, sta lavorando bene e vuole continuare a vincere”. Luis

Alberto l’unico non convocato (dolori al ginocchio, in realtà sembra l’ennesimo “mal di pancia”), nella lista c’è anche il nuovo acquisto Abukar: “Sta dimostrando personalità, si sta inserendo. È un ragazzo umile, non conosce la lingua ma è appena arrivato, avrà tempo per imparare “. Deve mettere su un po’ di muscoli, il 18enne centrocampista finlandese: la prima impressione però è positiva.

es_ES
it_IT
en_US