Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
25 ago

Lazio, Inzaghi tra riscatto e mercato: ”La rosa è da completare”

ROMA – Ultima conferenza pre-partita di Simone Inzaghi prima della conclusione del mercato, inevitabile parlare sia del Chievo che delle due situazioni ancora in sospeso, cioè i sostituti di Hoedt (andato al Southampton) e Keita, ancora in Spagna e in attesa di trovare una nuova sistemazione.

INZAGHI SUL CHIEVO: “BRUCIA ANCORA SCONFITTA DELL’ANNO SCORSO” – Per quanto riguarda la partita con il Chievo, Inzaghi non ha ancora dimenticato la sconfitta all’ultimo minuto della scorsa stagione all’Olimpico: “Sappiamo che affronteremo una squadra non semplice, la sconfitta dell’anno scorso brucia ancora, ci tolse tre punti molto importanti. Ma allo stesso tempo sappiamo cosa andremo ad affrontare. Ci siamo preparati nel migliore dei modi, dobbiamo fare una partita che ci permetta di tornare a Roma con tre punti”. Da tenere sotto controllo i calci piazzati di Birsa, che nello scorso campionato crearono molti problemi: “Abbiamo lavorato sulle loro qualità in settimana. Dobbiamo essere più veloci nella circolazione di palla, più felici nelle scelte. Al di là di tutto, domenica non siamo stati brillanti, abbiamo avuto uno sviluppo di gioco più lento rispetto ad altre occasioni”.

ULTIMI GIORNI DI MERCATO: “ABBIAMO PROBLEMI NUMERICI” – Poi si passa a parlare del mercato e Inzaghi ribadisce ancora una volta i suoi desideri: “Dopo il Chievo ci sarà la sosta, poi giocheremo ogni tre giorni fino a Natale. Sarà un percorso lungo e difficile. Sappiamo che dovremo sostituire Hoedt e Keita, che ora non ho a disposizione e del quale nel caso parleremo più avanti. Sappiamo che dobbiamo completare la rosa, abbiamo problemi numerici, ci sono due ruoli da coprire”. Nell’intervista a margine dell’estrazione dei sorteggi di Europa League, però, il ds Tare aveva però parlato della possibilità di andare controcorrente e puntare sui giovani: “Se arrivasse qualche giocatore d’esperienza, già rodato nel campionato italiano, per me andrebbe benissimo. Si azzererebbe il problema dell’inserimento. Paletta? Anche se non è mancino rientra nei giocatori importanti che sono da diversi anni in Italia: lui ha grandissima esperienza e non sarebbe un problema integrarlo nel nostro contesto”. In realtà la Lazio si sta muovendo anche su altri profili, giovani di prospettiva. Uno di questi è Jaroslaw Jach, 23enne polacco mancino dello Zaglebie Lubin. Il costo del cartellino è di 2 milioni di euro.

AVANTI CON IL 3-5-2 E FIDUCIA A LUIS ALBERTO – Il tecnico prosegue parlando di Felipe Anderson e dell’infortunio che rischia di tenerlo fuori fino a ottobre: “Non ci voleva. il problemino c’è, con i medici si sta facendo un lavoro certosino: vogliamo avere Felipe al 100%”. Anche senza di lui Inzaghi proseguirà sul 3-5-2, ormai il modulo base: “Quest’anno abbiamo cercato di iniziare un percorso con questo modulo, lo avevamo proposto tante volte anche l’anno scorso. Penso che potremmo cambiare in corso pure in questa stagione, dipenderà dai giocatori a disposizione. Le risposte sono state ottime finora”. Anche da Luis Alberto, che con il Chievo alzerà il suo baricentro e giocherà sulla trequarti: “Si sta ritagliando spazio perché se lo merita. Si impegna tantissimo, l’anno scorso ha avuto qualche problema di inserimento. Ora si sta guadagnando minuti importanti”.

SUL SORTEGGIO DI EUROPA LEAGUE: “POTEVA ANDARE MEGLIO” – In conclusione c’è spazio anche per un breve commento sul sorteggio del girone di Europa League, con Nizza, Vitesse e Zulte Waregem: “È un gruppo competitivo, certo poteva andare meglio. Probabilmente aver preso in quarta fascia il Vitesse, primo in classifica in Eredivisie, non è stato il massimo, c’erano squadre meno forti nella stessa urna. Lo Zulte anche è partito molto bene, il Nizza lo conosciamo. Quando arrivi a un girone di Europa League, comunque, è normale affrontare squadre di livello”.

es_ES
it_IT
en_US