Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
16 ago

Lazio, Keita non si allena: è rottura col club. E Hoedt se ne va

Stucchevole e pesante. I cui effetti, forse, stanno andando anche un po’ troppo oltre. È la fotografia dell’attuale rapporto tra la Lazio e Keita. Dopo la mancata convocazione per la partita di Supercoppa italiana, i vari tweet dello stesso senegalese e il suo agente che hanno parlato di “disagio psicologico” e di “offerta di rinnovo non adeguata”, l’ultima tappa è l’assenza di Keita dall’allenamento di ieri a Formello.

L’attaccante non si è presentato, senza il permesso della società (anche se erano circolate voci riguardo una scelta condivisa per non alimentare il clima di tensione). E adesso dovrà subire le conseguenze: “La Lazio – spiega l’avvocato dal club, Gian Michele Gentile – può multare il ragazzo e sospenderlo dagli allenamenti. Come ogni lavoratore ha diritti, ma anche doveri. L’eventuale sanzione sarà graduata in base alla gravità dell’inadempimento, con possibilità di rivolgersi al Collegio Arbitrale, che convocherà le parti affinché sia definita la giusta sanzione”. Inevitabile ormai la separazione, che porterà presumibilmente nelle casse della Lazio (Juventus permettendo) almeno 20 milioni di euro.

Altri 17 (15 più 2 di bonus), arriveranno invece dalla cessione di Wesley Hoedt al Southampton: il club inglese ha accelerato per il difensore e le parti sono molto vicine alla conclusione dell’operazione, che renderebbe l’olandese (arrivato a parametro zero due anni fa) la quinta cessione più remunerativa conclusa dal presidente Lotito, dopo Kolarov, Candreva, Hernanes e Biglia. I discorsi per il passaggio di Hoedt in Premier League che potrebbe essere sostituito dal brasiliano con passaporto italiano, Rodrigo Caio del San Paolo sono stati intensificati subito dopo la vittoria della Supercoppa italiana, quando i suoi agenti si sono incontrati con la società

per discutere anche della situazione dell’altro loro assistito, de Vrij. Per la prima volta l’ex Feyenoord ha aperto alla possibilità di rinnovare il suo contratto, a patto però che non arrivino offerte di alto livello in questi ultimi giorni di mercato. Le possibilità restano basse, la Juventus e altri top club lo seguono da tempo: ma almeno adesso c’è la disponibilità a parlarne. Il prossimo appuntamento è fissato a settembre.

es_ES
it_IT
en_US