Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
8 mag

Lazio, per Inzaghi giorni decisivi tra la finale e il rinnovo. A Firenze con le riserve

Lotito 60 (anni, oggi), Immobile 30 (gol in stagione), Inzaghi 70 (punti in classifica). Giorni di festa per la Lazio, che a 3 giornate dalla fine del campionato è già matematicamente qualificata ai gironi di Europa League. Il 7-3 alla Samp, davanti a più di 40mila tifosi felici, è l’ennesima perla di una stagione storica. Eguagliato il record delle vittorie (21), Inzaghi è a due passi da quello dei punti (72 nel 2000). Poi segna tanto, questa squadra: ha la seconda media-gol di sempre in Serie A (dati LazioPage). Ben 17 le reti da palla inattiva. E se va in vantaggio, difficile che non vinca: è successo 18 volte su 19 (solo il Milan l’ha bloccata sull’1-1). La cooperativa del gol (a segno in 18) è giovane, anche: dal 23′ della ripresa, domenica, in campo tutti nati negli anni 90 (a parte Lulic). Numeri da urlo, ma ora la concentrazione è per la finale di Coppa Italia.

Le grandi manovre per la partita, in programma mercoledì 17 se stasera la Juve eliminerà il Monaco, sono già iniziate. Sabato a Firenze, contro i viola, sarà maxi-turnover: i titolarissimi vanno tutelati. Di sicuro riposeranno i vari de Vrij, Biglia e Immobile. Probabile panchina anche per il top player Milinkovic e lo scatenato Keita. Al momento la probabile formazione anti- Juve è questa, schierata con il 3-5-2: Strakosha; Bastos, de Vrij, Wallace; Basta, Parolo, Biglia, Milinkovic, Lulic; Immobile, Keita. Ovvio che però Hoedt e Radu in difesa, Lukaku a centrocampo e Felipe Anderson in attacco cercheranno di mettere in difficoltà Inzaghi nelle scelte.

Per esempio Anderson va considerato in ballottaggio con l’amico Keita, comunque in vantaggio. Insomma giorni intensi per Inzaghi, tra finale e contratto: “Il rinnovo dovrebbe essere una formalità”, ha detto il tecnico. Ha parlato di un incontro già in settimana, possibile rinvio dopo la Coppa: i tifosi chiedono alla società di blindare l’allenatore capace di riportare l’entusiasmo nell’ambiente biancoceleste. Con l’Europa in tasca, il rinnovo è scattato automatico fino al 2019, ma le cifre dell’ingaggio sono da rivedere: non bastano i 700mila euro previsti

da quell’accordo, la società proporrà un milione più bonus. Ci sarà da trattare, alla luce dei risultati e dei (numerosi) corteggiatori. Ma poi la firma arriverà e si potrà programmare il futuro, magari con Keita: mentre de Vrij è davvero destinato all’addio, il colpo di scena sul senegalese non è più utopia. Ci sarà tempo per parlarne, ora conta il campo e quella affascinante sfida alla possibile regina d’Europa.

es_ES
it_IT
en_US