Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
5 mag

Luci a led, retromarcia del Comune

Contrordine compagni. Le luci al led sono «antiestetiche». Di più: mortificano la bellezza dell’Urbe. Perciò, si cambia. Meglio: si torna all’antico. Via tutte le orribili piastre montate finora, almeno nel cuore antico della città. E anche il candore “da obitorio” che aveva stravolto vicoli e piazze verrà riscaldato, magari pure un po’ ingiallito, per restituire quei chiaroscuri spianati dall’avanzata delle lampadine tecno.

L’assessore ai Lavori pubblici Luca Montuori lo aveva annunciato a Repubblica tre settimane fa: «Ci siamo accorti subito delle criticità delle nuove luci. E per questo abbiamo deciso di intervenire ». Ma solo perché la protesta aveva travalicato i confini nazionali, finendo sul New York Times, accompagnata dalla sonora bocciatura della soprintendente Margherita Eichberg, che ha stroncato l’iniziativa, chiedendone la revisione.

Ieri la marcia indietro ufficiale. «Realizzare il piano di illuminazione della capitale al meglio, nell’interesse della città e dei suoi diversi spazi pubblici, e rimettere mano ad un progetto antiestetico che non rendeva giustizia alla bellezza del centro di Roma. Questo l’obiettivo principale a cui l’amministrazione capitolina sta lavorando in sinergia con Acea, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale e di risparmio energetico dettati dalla normativa europea e nazionale », hanno fatto sapere nel pomeriggio il Campidoglio e la multiutility di piazzale Ostiene con una nota congiunta.

Perciò giovedì prossimo l’assessore Montuori, Acea, esperti di Sapienza e Roma Tre si incontreranno per stabilire la road map che porterà alla inversione a U sul piano led. «L’esigenza dell’amministrazione — insistono a palazzo Senatorio — è realizzare il progetto migliorandolo in ogni suo aspetto attraverso uno studio mirato dei diversi luoghi di intervento».

Perciò

si è deciso di coinvolgere «le eccellenze » del settore, mediante «una convenzione con gli atenei che si occupano della materia (Master in Lighting Design della La Sapienza e il Laboratorio di illuminotecnica e acustica di Roma Tre) per garantire, in particolare in centro storico, l’applicazione del piano nella massima tutela della bellezza dei luoghi attraverso la loro valorizzazione pur garantendone la sicurezza».

es_ES
it_IT
en_US