Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
24 mag

Mafia Capitale, l’autista di Patanè: “Così lo portai da Fiscon”

Cinque testimoni per svelare i segreti dei politici coinvolti nell’inchiesta Mafia Capitale. Il ruolo di Mirko Coratti (per il Comune) e di Eugenio Patanè (per la Regione) viene spiegato in particolare da due teste chiave per i pubblici ministeri Luca Tescaroli e Giuseppe Cascini, presenti in aula, che monopolizzano la settantanovesima udienza del maxi processo che si celebra dallo scorso novembre nell’aula bunker di Rebibbia.

Il capo segreteria di Coratti. Si comincia con Luca Galloni, ex capo della segreteria del dem Coratti, che è evidentemente in difficoltà di fronte alle domande della pubblica accusa. Preferisce fare la parte dell’incompetente e di quello messo in un ruolo senza un perché, piuttosto che svelare incontri e responsabilità dell’ex presidente dell’assemblea capitolina, Coratti. Tanto che più volte, nel corso dell’interrogatorio del pm Tescaroli, in cui interviene spesso il giudice Rosanna Ianniello, tra il serio e il faceto gli viene ricordato che veniva retribuito per gestire tutta l’agenda del presidente e, quindi, il fatto che non si sia accorto di nulla denota una sua scarsa professionalità. Impassibile, come una cantilena, Galloni risponde: “Io mi occupavo solo dell’agenda istituzionale di Coratti, quella sua privata se la gestiva da solo”. Così di quei 13 assunti nello staff del presidente dell’assemblea capitolina – un numero che stupisce il giudice Ianniello che chiede più volte come mai in una segreteria politica lavori così tanta gente – tra cui Figurelli (anche lui imputato nel processo) il capo della segreteria di Coratti riferisce di sapere poco o nulla a parte il fatto che fosse lui il vero leader della segreteria. Perentorio su un punto chiave dell’interrogatorio: Buzzi non è mai salito nell’ufficio del dem ora sotto accusa. “Le uniche volte in cui ho visto Buzzi è stato in giro per Campidoglio, ma mai insieme a Coratti e mai nel suo ufficio”. Quanto al ruolo di un autista assunto nello staff dei 13 non sa motivare quale mansione e quali competenze avesse. “Eppure lo ha consigliato lei a Coratti, è così?”, chiede il pm. La risposta è sì, ma non ricorda come arrivò, “comunque era bravo e si stava per laureare”. Le sue parole, è evidente, non convincono nessuno e proprio per questo gli viene ricordato che mentire in aula è un reato e che si rischia la falsa testimonianza.

L’autista di Patanè. Arriva poi il turno di Eugenio Patanè e a parlare contro l’ex presidente della commissione Cultura nella giunta Zingaretti, senza nascondere un rancore personale, è il suo ex autista e segretario Francesco Isoni. L’uomo si presentò spontaneamente dai carabinieri del Ros per raccontare tutto ciò che sapeva dopo la prima ondata di arresti del 2 dicembre del 2014, raccogliendo, spiega in aula, l’appello del commissario Pd, Matteo Orfini. “Mi colpirono le parole del commissario Orfini che disse ‘chi sa parli’; così ho preso coraggio e mi sono recato dai carabinieri”. Quello che raccontò il 5 dicembre e che oggi ha spiegato in aula è che lui stesso accompagnò Patanè a un incontro con Fiscon e con Franco Cancelli (della cooperativa Edera), confermando quindi il quadro indiziario raccolto dai magistrati del pool antimafia. Ovvero che Patanè, accusato di turbativa d’asta, avrebbe avuto un ruolo nell’aggiudicazione di una gara in favore di Ama. Quel rendez vous narrato da Isoni sarebbe dunque la conferma della non estraneità di Patanè ai fatti contestati. Tuttavia il fatto di essere stato intimidito dopo quella testimonianza dall’ex presidente della commissione Cultura in Regione appare piuttosto debole. “Ha detto a mio suocero, dopo aver saputo della mia collaborazione con i carabinieri, che era meglio se non mi facevo vedere”. Infine “per me Patanè non ha mai voluto far niente, mi aveva promesso un posto di lavoro ma non me l’ha mai trovato”. Una frase

lasciata cadere così, in aula, al termine di un’udienza durata 7 ore.

Patanè annuncia querela. “Ho ascoltato incredulo le dichiarazioni rese dal signor Isoni, ho dato mandato ai miei legali di querelarlo per falsa testimonianza. Forse accecato dall’odio perché non l’ho voluto a lavorare con me si sta vendicando in questo modo”. Così il consigliere regionale Patanè ha replicato alle accuse nei suoi confronti.

es_ES
it_IT
en_US