Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
30 mag

Ministero delle Infrastrutture, condannati sei assenteisti

Per assentarsi dal posto di lavoro durante l’orario di servizio le avevano pensate proprio tutte, anche quella di scavalcare i tornelli. Erano come dei veri funamboli i dipendenti del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti della sede di via dell’Arte, nel quartiere Eur. Per quei “salti” cinque di loro non l’hanno passata liscia: il tribunale ne ha condannati due alla pena di 6 mesi di carcere e altri tre ad un anno di reclusione. Truffa aggravata il reato contestato dal pubblico ministero Francesco Dall’Olio. Insieme a loro è stata condannata anche la figlia di una dipendente che lavorava all’interno della struttura, presso una cooperativa che aveva la sede lì: in almeno cinque casi avrebbe strisciato il badge della mamma simulando il suo arrivo in ufficio di prima mattina, intorno alle 6 e un quarto, quando invece il genitore era ancora a casa. I fatti risalgono al 2010.

La vicenda ruota intorno alla struttura di via dell’Arte 16, all’Eur, un edificio che accoglie non solo il ministero delle Infrastrutture ma anche alcuni dipartimenti di quello delle Politiche agricole nonché una filiale di banca e alcune sedi di cooperative e ditte. Il comun denominatore, almeno cinque anni fa, erano i tornelli d’ingresso, dove tutti i dipendenti, pubblici e privati, accedevano passando il proprio badge.

E’ proprio questo tipo di passaggio unico che ha permesso ai ministeriali di assentarsi a piacimento dal lavoro. Se due di loro, in almeno un paio di giorni, hanno semplicemente scavalcato il tornello per uscire all’esterno dell’edificio, simulando di fatto la propria

presenza in ufficio, altri tre hanno pensato un modo più articolare di truffare lo Stato. Prima si sono procurati un badge di un dipendente privato che accedeva alla stessa struttura, e poi in pieno giorno si sono allontanati dalla propria sedia: al passaggio al tornello, infatti, due di loro hanno strisciato il badge della figlia di una collega che lavorava per una ditta privata. Un terzo aveva a disposizione quello di un dipendente della banca, che poi ne ha denunciato la sparizione.

es_ES
it_IT
en_US