Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
9 giu

Mistero ad Aprilia, picchiata a morte donna di 88 anni

Calci e pugni fino a spezzarle le ossa e a provocarle gravi emorragie. Un’aggressione compiuta con un’inusuale ferocia quella costata la vita a un’anziana di Aprilia, deceduta in serata dopo 12 ore d’agonia. Un omicidio quello di cui è stata vittima nella sua abitazione la 88enne Rosa Grossi, senza neppure avere il tempo di alzarsi dal letto, dove è stata massacrata e trovata dal figlio priva di conoscenza. Una rapina degenerata, un ladro che vistosi scoperto ha perso la testa. Queste le prime ipotesi avanzate dai carabinieri, ma col trascorrere delle ore non sembra questa la pista principale battuta dai militari dell’Arma, che sembrano seguire sospetti peggiori, quelli che qualcuno sia entrato in quella casa di periferia proprio per colpire l’anziana, ma per ragioni al momento ignote.

La 88enne è stata soccorsa dal 118 mentre era appunto ancora a letto, coperta di sangue e incosciente. L’allarme è stato dato dal figlio, di 62 anni, che come ogni mattina, attorno alle 8, si è recato nell’abitazione della madre, al civico 21 di via Selciatella, per farle compagnia e magari sbrigare qualche commissione, visto che la pensionata, autonoma, viveva da sola. I primi soccorritori si sono subito resi contro che tra quelle mura, ai margini del centro abitato di Aprilia, cuore industriale della provincia di Latina, si era verificato qualcosa di estremamente grave. I medici, primi quelli della locale clinica e poi quelli dell’ospedale “Goretti” di Latina, hanno tentato in ogni modo di salvare Rosa Grassi. Il quadro clinico era però troppo complesso e l’anziana, attorno alle 20 è spirata. Un omicidio dunque. All’apparenza senza l’utilizzo di alcuna arma. Una 88enne pestata a morte.

I carabinieri hanno stanno ascoltando i familiari della

vittima, i vicini e i primi soccorritori, vagliando varie ipotesi, da quella della rapina degenerata appunto a quella dell’aggressione deliberata. Gli investigatori stanno anche esaminando le telecamere di sorveglianza di alcune aziende della zona e gli uomini del Ris stanno scandagliando palmo a palmo l’abitazione. Altri elementi utili alle indagini sono inoltre attesi dall’autopsia. Con il timore che si possa scoprire un quadro ancor più agghiacciante di quello attuale.

es_ES
it_IT
en_US