Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
23 gen

Mondo di mezzo, chiesto processo per 21: c’è anche Carminati. A nessuno contestata associazione mafiosa

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per 21 persone nell’ambito della terza tranche dell’inchiesta denominata Mondo di Mezzo. Tra le persone per le quali i pm di piazzale Clodio hanno chiesto il processo anche Massimo Carminati, Gennaro Mokbel e il direttore de “Il Tempo” Gian Marco Chiocci, quest’ultimo accusato di favoreggiamento.

La richiesta di rinvio a giudizio è firmata dal Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, dagli aggiunti Paolo Ielo, Michele Prestipino e Giuseppe Cascini e dal sostituto Luca Tescaroli. Tra le persone raggiunte dalla richiesta di rinvio a giudizio non c’è Luca Odevaine, già componente del Tavolo di coordinamento nazionale insediato presso il ministero dell’Interno, che ha chiesto il patteggiamento. La richiesta di processo arriva a poche settimane dall’inizio del giudizio d’Appello per il filone principale che è fissato al 6 marzo e riguarda una quarantina di persone.

Nella terza tranche dell’inchiesta sul Mondo

di mezzo a nessuna delle persone coinvolte è contestata l’associazione per delinquere di stampo mafioso né quella semplice. Ad alcuni è contestata l’aggravante mafiosa e, a vario titolo, i reati di corruzione, usura, turbativa d’asta, favoreggiamento, trasferimento fraudolento di valori. Nel processo sulla prima parte dell’inchiesta i giudici nella sentenza, che comminò in tutto 250 anni di carcere, fecero cadere l’accusa di associazione mafiosa.

es_ES
it_IT
en_US