Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
22 lug

Neonata uccisa a Orte, l’ultimo saluto. La madre in stato di fermo, è ancora in ospedale

Sarà celebrato oggi pomeriggio nella chiesa di Sant’Angelo, a Orte Scalo, il funerale di Giulia Stavila, la bimba di 4 mesi per la cui morte è indagata la madre, Mariana Golovataia, 30 anni, moldava. La donna in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario nei confronti della piccola, ed inoltre di tentato omicidio nei confronti dell’altro figlio, un bimbo di 5 anni che il padre, e marito della donna, Ghenadie Stavila (moldavo anche lui) ha trovato sotto choc in un’altra stanza dell’abitazione di Orte Scalo dove mercoledì pomeriggio era riuscito ad entrare forzando la porta d’ingresso, vista la mancata risposta della donna.

Questa era priva di sensi, e poi i medici hanno accertato che aveva ingerito psicofarmaci nel tentativo di togliersi la vita. Psicofarmaci che Mariana Golovataia assumeva da qualche tempo perchè – sembra orami accertato – vittima di uno stato di depressione post partum per cui era in cura. La donna è ancora in ospedale, al Belcolle di Viterbo, ma non più piantonata: è stata trasferita nel reparto

di cosiddetta ‘medicina protetta’, quello riservato agli arrestati che necessitano di cure ospedaliere, ritenute più adeguate rispetto a quelle prestate in una struttura carceraria.

Intanto proseguono le indagini dei carabinieri della Compagnia di Civita Castellana, diretta dal maggiore Anna Patrono, e del Comando provinciale di Viterbo diretti dal colonnello Mauro Conte, coordinate dal pm di turno della Procura viterbese titolare dell’inchiesta, Franco Pacifici.

es_ES
it_IT
en_US