Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
26 ago

Ostia, CasaPound contesta il parroco candidato: “No comizi in chiesa”

A Ostia CasaPound se la prende, fuori della chiesa, con il prete che corre per la presidenza del X Municipio di Roma. “De Donno: da prete a candidato, comizi in chiesa e prima l’immigrato”, si legge sullo striscione esposto dai militanti di estrema destra, che sono molto attivi nella zona. “È discutibile la scelta di un prete di scendere in politica – dice Luca Marsella, candidato di CasaPound – ma è inaccettabile che De Donno faccia comizi in una chiesa”. “CasaPound? Stanno facendo da tanto tempo una campagna elettorale in mio favore, senza volerlo…”, ride invece don Franco De Donno, 71 anni, quando legge il testo dello striscione. “Stavo salutando la comunità in chiesa – dice – non ce ne siamo nemmeno accorti, erano fuori”.

Fino a oggi il prete ha osservato il silenzio elettorale concordato con il cardinale vicario di Roma. Ora parte la candidatura per le elezioni di ottobre nel Municipio della Capitale sciolto per mafia e commissariato nel 2015, dopo l’inchiesta sul Mondo di Mezzo.

De Donno, da 36 anni sacerdote a Ostia, dove ha insegnato religione per oltre 30 in un liceo scientifico, è impegnato a difesa dei migranti, ma è anche presidente della Caritas locale e guida lo Sportello antiusura. “Dialogheremo anche con CasaPound, se vorranno – dice – la mia è una candidatura civica, di dialogo e non di scontro. Ho deciso di candidarmi perché non vedevo nessuno in grado di portare avanti le istanze che mi stanno a cuore”.

Benvisto a sinistra, appoggiato da alcune associazioni di volontariato, come Alternativa Onlus e Ostia

per l’Africa, De Donno ha ricevuto la solidarietà di Stefano Fassina di Sinistra Italiana e dell’ex capogruppo Sel in Campidoglio, Gianluca Peciola. “In questo Paese i fascisti di Forza Nuova vengono scortati in Chiesa, mentre quelli di CasaPound agiscono indisturbati e protetti da poteri forti e istituzioni a Ostia – dice Peciola – tanto protetti da poter intimidire un parroco coraggioso come Franco De Donno. Noi siamo con Franco, con il suo impegno civico e sociale”.

es_ES
it_IT
en_US