Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
6 nov

Presidenziali Usa, la lunga notte degli americani a Roma

Donald Trump o Hillary Clinton? Ore contate per sapere chi sarà il nuovo presidente degli stati Uniti. E nell’attesa del verdetto che stabilirà chi sarà il successore di Barak Obama i cittadini a stelle e strisce che abitano a Roma si stanno organizzando per trascorre insieme domani la lunga notte.

L’appuntamento principe è la maratona per seguire i risultati del voto in tempo reale organizzata dall’Ambasciata Usa all’hotel Excelsior. Una serata rigorosamente su invito che – sulla falsariga del tradizionale party di gala del 4 luglio a Villa Taverna – vedrà la presenza di autorevoli rappresentanti delle istituzioni, della politica e della società civile italiana. Oltre che dei tanti americani vip che vivono a Roma. Le porte del celebre albergo di via Veneto si apriranno agli ospiti alle 22. Ad accogliere la vasta platea – con un discorso di benvenuto – ci saranno l’ambasciatore John Phillips e l’incaricato d’affari americano in Vaticano Louis Bono. Non si esclude che Phillips possa restare fino alle prime ore del mattino quando uscirà il nome del 45/mo presidente degli Stati Uniti. Magari approfittando di qualche ora di riposo in una delle suite messe a sua disposizione dallo storico albergo romano. Per seguire sul maxi-schermo il duello finale Clinton-Trump si sono accreditati alla serata i corrispondenti a Roma delle testate e delle tv di tutto il mondo. Per loro è stata allestita una sala stampa e quattro piccoli studi televisivi. Tutte le novità, in diretta, saranno accessibili sull’hashtag creato dall’ambasciata #lamericadecide. Non mancheranno birra e hotdogs, nel più puro stile a stelle e strisce.

Un’altro appuntamento è a Palazzo Ferrajoli, a un passo da Montecitorio, riservata al corpo diplomatico e a personalità del mondo delle Istituzioni, della cultura e dell’economia. Si intitola “Notte a Palazzo. Il racconto delle elezioni americane nel cuore di Roma con le tv del mondo” l’iniziativa messa su da Giovanni Cipriani, segretario del “Centro per la promozione del Libro” in partnership con la “Fondazione Fias International”. Nelle sale del Palazzo cinquecentesco sono stati installati una ventina di schermi per

consentire il collegamento con le reti televisive internazionali.

Meno cerimoniosa e ad alta densità di supporte dii Hillary Clinton la serata che si svolgerà al “The Road House Grill”, nel cuore di Testaccio.

Dalla mezzanotte fino al mattino docenti e studenti della John Cabot University, fiore all’occhiello del mondo accademico americano a Roma, si ritroveranno invece al Tiber Campus sul Lungotevere Sanzio.

es_ES
it_IT
en_US