Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
3 giu

Primavera: la Roma conquista il suo ottavo scudetto, piegata ai rigori la Juventus

REGGIO EMILIA – La Roma conquista lo scudetto del campionato Primavera. Nella finale giocata al Mapei Stadium di Reggio Emilia i giallorossi hanno prevalso ai rigori ad oltranza per 7-6 sulla Juventus, tornando ad aggiudicarsi lo scudetto dopo cinque anni di digiuno, l’ottavo successo in questa competizione giovanile nella storia del club capitolino.

In particolare si tratta del terzo tricolore vinto dall’allenatore Alberto De Rossi (padre di Daniele), 11 anni dopo il primo conquistato a Lecce (il secondo era arrivato invece nel 2011). Decisiva la parata con i piedi di Crisanto sul tiro dal dischetto del bomber bianconero Favilli, dopo che i 120′ si erano chiusi sull’1-1 per i gol di Kastanos su rigore per la Juventus e il pari di Ponce.

KASTANOS SBLOCCA DAGLI 11 METRI, PONCE PAREGGIA PER LA ROMA – Un confronto equilibrato e intenso si era infatti sbloccato al 36°, quando l’arbitro indica il dischetto per uno strattone di Di Livio su Lirola sul lato destro dell’area di rigore: il cipriota Kastanos calcia dagli 11 metri e spiazza Crisanto.


Primavera: la Roma conquista il suo ottavo scudetto, piegata ai rigori la Juventus
Condividi



Allo scadere della prima frazione la formazione di Fabio Grosso vicinissima al raddoppio quando una conclusione di Zappa da fuori si abbassa improvvisamente e colpisce la traversa a portiere battuto.

Al rientro dagli spogliatoi, però, i giallorossi trovano subito il pari: sugli sviluppi di un angolo Ponce addomestica un pallone e rapidamente calcia in porta di forza, Audero ci arriva ma il pallone termina comunque in rete. E una decina di minuti più tardi altra occasione per la Roma: Ndoj calcia a rientrare con il destro dai 20 metri e grande parata di Audero che salva i suoi.


Primavera: la Roma conquista il suo ottavo scudetto, piegata ai rigori la Juventus
Condividi



RIGORI: CRISANTO NE PARA DUE, GROSSI FIRMA IL TRIONFO GIALLOROSSO – Nonostante alcune nitide occasioni, tra cui una rete annullata al romanista Spinozzi all’89’, l’1-1 non si schioda, neppure ai supplementari (chance sprecata da Di Livio), così per il terzo anno consecutivo servono i rigori per assegnare il titolo Primavera: i bianconeri sono meno precisi dei giallorossi, il portiere Crisanto ipnotizza Vadalà e Favilli (dopo che Marchizza aveva fallito il primo match point, calciando a lato) mettendo la sua firma sulla vittoria, sancita dalla trasformazione di Grossi che fa scoppiare la festa dei ragazzi di De Rossi.

FINALE BERRETTI SERIE A-B: 3-2 NON BASTA AL TORO, VINCE L’INTER – È l’Inter invece ad alzare l’ambito trofeo intitolato alla memoria di Dante Berretti. Nel ritorno della finalissima del Campionato Nazionale per club di Serie A e B, disputata questo pomeriggio al Centro Sportivo “Don Giacomo Mosso” di Venaria Reale (Torino), il Torino si è imposto per 3-2 sui nerazzurri, che però nella gara di andata, giocata lo scorso 28 maggio, avevano battuto i granata per 1-0: la somma dei risultati, grazie ai gol in trasferta, premia dunque l’Inter.

Francesco Ghirelli, Direttore Generale della Lega Pro, insieme a Roberto Samaden, responsabile Settore Giovanile Inter, e Massimo Bava, responsabile Settore Giovanile Torino, hanno premiato sul campo con trofeo e medaglie le due squadre davanti a spalti gremiti. Era presente anche il Dg del Torino, Antonio Comi.

Il club milanese festeggia la vittoria del campionato nella ricorrenza importante del 50° anniversario del Torneo e tra pochi giorni, da giovedì 9 a sabato 11 giugno, sarà di scena anche la Final Four di Lega Pro che vedrà protagoniste Arezzo, Catania, Cittadella e Cremonese, competizione che valorizza i giovani e la sportività.

ROMA – JUVENTUS 7-6 D.C.R. (1-1)

ROMA (4-3-2-1): Crisanto; De Santis, Capradossi, Marchizza, Anocic; Machin, Vasco, D’Urso (15’ sts Grossi); Ndoj (43’ st Spinozzi), Di Livio (15’ sts Bordin); Ponce. (Pop, Romagnoli, Ciavattini, Paolelli, Soleri, Franchi, Pellegrini, Antonucci). All.: De Rossi.

JUVENTUS (4-3-1-2): Audero; Lirola, Romagna, Moreno, Zappa; Cassata, Toure (21’ st Didiba), Macek (13’ sts Di Massimo); Kastanos; Favilli, Pozzebon (4? pts Vadalà). (Consol, Del Favero, Coccolo, Vogliacco, Beruatto, Bove, Parodi, Caligara, Kean). All.: Grosso.

ARBITRO: Amoroso.

MARCATORI: nel pt 36? Kastanos rig. (J); nel st 2? Ponce (R).

AMMONITI: Toure, Ndoj, Zappa, Spinozzi

es_ES
it_IT
en_US