Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
14 mar

Regione Lazio, summit Zingaretti-Raggi: “Sinergie e possibili convergenze”

Sembra aprirsi una nuova stagione nei rapporti tra il Comune di Roma a guida M5S e la Regione dem. Una stagione, inaugurata dall’incontro tra la sindaca Virginia Raggi e il governatore Nicola Zingaretti all’insegna di “convergenze tematiche”. “Abbiamo parlato di alcune questioni su cui possiamo trovare convergenze tematiche, che ritengo possano essere utili tanto a Roma quanto alla Regione”, dice Raggi. “Un’occasione per ripartire, di confronto su temi di governo che ora hanno bisogno di una collaborazione più stringente”, le parole di Zingaretti. “E quindi c’è stata, mi sembra, un’ottima sinergia nella volontà di provare a farlo insieme per superare i rischi di immobilismo oppure di un confronto che blocchi dossier”.

Il governatore ha definito “utile” il faccia a faccia con la prima cittadina perchè “alla riapertura di un ciclo era importante verificare che queste condizioni ci sono tutte” e ha poi sottolineato “le volontà di due amministrazioni di lavorare insieme per risolvere i problemi dei cittadini: su questo, mi permetto di sottolineare, c’è un’assoluta e vera convergenza.

Per questo è stato un primo incontro, lavoreremo appena ci sarà l’amministrazione regionale a darci anche degli strumenti molto operativi e quotidiani affinchè su questi temi ci sia la massima collaborazione”.

“Il rischio che Zingaretti non sia in grado di fare un governo esiste”. Lo dice Stefano Parisi durante la trasmissione Coffee Break su La7. L’ex candidato del centrodestra per la guida della Regione Lazio ha smentito quanto ipotizzato oggi su alcuni giornali riguardo all’esistenza di un patto per far cadere il neo eletto Nicola Zingaretti. Che però “ha fatto un grave errore – ha precisato Parisi -. Ha fatto una intervista dopo le elezioni n cui sottolineava che si candidava a guida del Pd nel caso avesse perso e che avrebbe comunque preso la guida della Regione. Non va bene. Non ha una maggioranza”.

Lo scenario generato dall’assenza di una maggioranza in aula, con il centrosinistra fermo a 25 consiglieri, starebbe delineando un conflitto all’interno del centrodestra sull’assegnazione delle cariche all’interno del parlamentino laziale. A quanto apprende l’Agi, lo scenario ipotizzato dai

partiti di centrosinistra sarebbe favorevole ad assegnare uno dei due ruoli di vice presidente del Consiglio ai 5 Stelle, in questo momento in posizione di maggiore dialogo dopo un risultato elettorale forse al di sotto delle attese, e uno dei posti da segretario d’aula a Forza Italia. Mentre la Lega e Pirozzi, a quanto trapela, starebbero cercando di giocare una loro partita interna al centrodestra per poter cosi’ ottenere loro la vice presidenza in quota alle opposizioni.

es_ES
it_IT
en_US