Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
25 ago

Rieti, “Divieto di navigazione nel lago del Salto ” per agevolare le manovre dei canadair

Da Nord a Sud il Lazio, ancora incendi nel Lazio. Le fiamme continuano a divorare centinaia di ettari di verde e oggi, sabato 26 agosto, soltanto tra Roma e provincia, dalle 8 alle 20, i vigili del fuoco hanno compiuto circa 120 interventi. Una piaga davanti alla quale, per rafforzare i controlli, i carabinieri hanno deciso di schierare i reparti a cavallo.

Nell’area romana le situazioni più difficili ai Castelli Romani e nella zona Prenestina. Oltre la metà degli interventi dei vigili del fuoco hanno riguardato incendi di sterpaglie, ma per il resto alte lingue di fuoco stanno inghiottendo verde di pregio. Vasti roghi a Olevano Romano, Frascati, Valmontone, in via La Mura, e Castel Gandolfo, in via dei Laghi, dove è stato necessario anche far ricorso ai mezzi aerei. Ad Ardea poi, sul litorale, un incendio di sterpaglie ha minacciato un centro residenziale nel quartiere Nuova Florida. I carabinieri hanno così fatto intervenire nell’attività antincendio anche le pattuglie a cavallo nelle aree verdi di Monte Compatri, Monte Porzio Catone e Rocca di Papa. Servizi tra l’altro già avviati nelle aree di Subiaco, Tivoli, Colleferro e Palestrina.

Devastata anche la Ciociaria. Con una decina di fronti di fuoco aperti, fuori controllo gli incendi a Ceprano, nei pressi del cimitero, e a Santo Padre, dove sono ugualmente impegnati anche mezzi aerei. Finalmente quasi domati, invece, i roghi esplosi ieri a Veroli, dove è stata colpita anche la struttura sanitaria della “Città Bianca”, e a Patrica, dove è stato lambito il cimitero.

In provincia di Rieti invece, dil presidente della Provincia, Giuseppe Rinaldi, ha emesso un’ordinanza e vietato la navigazione ad ogni tipo di imbarcazione sul lago del Salto, per consentire ai mezzi aerei di soccorso di eseguire al meglio le manovre di pescaggio dell’acqua. Ma ad Antrodoco la situazione su monte Giano continua comunque ad essere pesante e il sindaco Alberto Guerrieri ha chiesto aiuto: “Il mio è un appello rivolto a tutte le istituzioni competenti e a tutti coloro che possono fare qualcosa: aiutateci. Abbiamo bisogno di mezzi, non possiamo essere lasciati soli”.

In

terra pontina, infine, a bruciare sono ancora una volta i monti Lepini. Un ampio rogo sul Monte della Difesa sta tormentando infatti i Comuni di Maenza e Roccagorga, dove sono state lambite alcune abitazioni e molte persone sono scese in strada, e ha bruciato pure un altro costone di Norma. Nei giorni scorsi, infine, ignoti hanno appiccato incendi tra Sabaudia e San Felice Circeo, ai piedi del promontorio, tentando di far avvolgere dalle fiamme la montagna della Maga.

es_ES
it_IT
en_US