Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
26 mag

Roma, abusi su bambina di 10 anni: nuovo arresto per il pedofilo seriale

Nel 2006 era stato condannato a 12 anni di carcere, poi, per buona condotta, in appello, erano diventati sette. Il reato per cui era stato condannato era violenza sessuale su due minorenni di Tor Pignattara, a cui faceva ripetizioni. Quando era uscito, nel 2013, si era messo a raccontare di essere stato sette anni in Tibet, proprio come nel film dallo stesso titolo, di aver studiato tecniche e massaggi orientali. E invece non pensava ad altro: come ricominciare. Come adescare un’altra ragazzina.

Il nuovo arresto. Tanto che il 3 maggio di quest’anno per lui erano nuovamente scattate le manette per violenza sessuale e corruzione di minorenne ai danni di due bimbe di 5 e 9 anni, due sorelline, e per tentata violenza nei confronti di una quindicenne. E ieri la squadra mobile diretta da Luigi Silipo, grazie a un’indagine coordinata dalla procura, ha eseguito una nuova misura cautelare nei confronti di Pier Francesco Lori, romano di 45 anni. Che in carcere aveva scritto due libri di poesie, che nel 2012 si era laureato con una tesi su sulla Shoah basata sui disegni dei bimbi deportati ad Auschwitz. E che aveva fatto parlare di sé anche in quel caso perché il magistrato di sorveglianza gli aveva negato un permesso per laurearsi a Roma Tre. In carcere si era anche sposato.

“Subdolo e pericoloso”. La procura nella sua ordinanza descrive le modalità di approccio dell’uomo “particolarmente subdole e pericolose”. Per gli investigatori era “abile nello scegliere accuratamente le sue vittime” e nel mettere “in atto una vera e propria strategia di persuasione”, fondata sulle fragilità delle persone offese che, ingannate, venivano psicologicamente soggiogate, così da essere costrette a subire abusi sessuali e poi a mantenere il segreto.

In parrocchia. Nell’ultimo caso, quello che portato all’arresto di ieri, Lori con una scusa era riuscito ad allontanarsi da solo con una bambina di dieci anni durante una festa parrocchiale, costringendola, sempre con l’inganno e con le sue arti persuasorie, a seguirlo in una stanza dove poi ha abusato di lei.

Insegnante di ginnastica. Nei casi che hanno invece portato all’arresto dello scorso 3 maggio Pier Francesco Lori, per convincere il padre a lasciarlo da solo con le sue bambine di 5 e 9 anni, aveva finto di essere un insegnante di ginnastica che doveva fare dei provini per uno spettacolo parrocchiale, a Torre Maura, nel teatro della parrocchia di Nostra Signora del Suffragio e Sant’Agostino di Canterbury, che lui conosceva bene perché qui si era anche sposato, ma di cui inspiegabilmente aveva le chiavi. Era sparito con le due bimbe, riportando poi quella di cinque anni dicendo che “è troppo piccola” e violentando, mentre il padre aspettava, quella di nove.

Fisioterapista. Con la quindicenne, che però era riuscita a scappare, si era spacciato per fisioterapista. Lori aveva “lo studio” al secondo piano dello stesso palazzo alla Borghesiana in cui viveva la ragazzina, che abitava al terzo. La giovane soffriva di cifosi e scoliosi: e dal “fisioterapista” era già andato l’avvocato dirimpettaio della sua famiglia. “Mi ha rimesso al mondo”, aveva detto l’avvocato alla madre. Che si era perciò fidata e gli aveva mandato in cura la figlia. Quando però Pier Francesco

Lori aveva chiesto alla ragazzina di mettersi in strane posizioni, lei era scappata via ed era scoppiata a piangere tra le braccia della madre, raccontandole che il 45enne l’aveva anche costretta a spogliarsi nuda.

Altre vittime. Gli inquirenti ipotizzano che siano molte di più le vittime del pedofilo: ma che molte bambine non riescano a raccontare cosa è loro successo. Sono in corso ulteriori indagini e approfondimenti.

es_ES
it_IT
en_US