Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
24 gen

Roma, al Maxxi Melandri e il cda confermati per altri 5 anni

“Squadra che vince non si cambia, e sono orgogliosa di annunciare che sarò alla guida del Maxxi per altri 5 anni”. Nel corso della conferenza stampa per il bilancio dello scorso quinquennio e presentando il programma dell’anno corrente, Giovanna Melandri annuncia che il suo incarico, come quello dei suoi collaboratori è stato riconfermato dal ministro Franceschini.

Rimane dunque invariata a squadra che vede Hou Hanru in veste di direttore artistico, Margherita Guccione come direttore del Maxxi archiettura e Bartolomeo Pietromarchi direttore di Maxxi arte. Riconferma anche per Enel quale primo socio fondatore privato della Fondazione Maxxi -partnership avviata nel 2015 – e stessa formazione per il Consiglio di amministrazione con Monique Veaute e Caterina Cardona, mentre solo Beatrice Trussardi” per i suoi troppi impegni a Milano verrà sostituita”.

Con 114 mostre, 2472 attività educative e 168 nuove acquisizioni tra il 2013-2017, un bilancio che “realisticamente si chiuderà con oltre 14 milioni di euro”, il modello Maxxi si espande con la nascita di Maxxi L’Aquila, prima sede distaccata del museo delle arti del xx secolo, che verrà realizzato a palazzo Ardinghelli, i cui lavori di ristrutturazione dovrebbero essere completati entro l’estate, per una previsione di apertura entro il 2018.

“Il mio impegno è quello di far entrare nel consiglio altri privati, pur mantenendo la maggioranza pubblica, già oggi il rapporto tra fondi pubblici e privati è del 60% pubblico – 40% privato”, ha aggiunto Melandri. E se il Maxxi è il museo più social di Roma, con 550mila contatti nel 2017 a fronte dei 110mila del 2013, meno esaltanti i numeri sull’affluenza nel gigante di cemento realizzato da Zaha Hadid: 1.750.000 persone in 5 anni, tra paganti e non. Nel 2017 sono entrate 430mila persone

al Maxxi, di cui 120.000 paganti. “Abbiamo.abbracciato la politica della gratuità (dal lunedi al venerdì la collezione permanente è accessibile gratuitamente, ndr) convinti che questo sia un modo per formare le persone – aggiunge Melandri – e i risultati si sono visti, perché c’è stato un 17% di pubblico pagante in più di pubblico pagante nel 2017 nonostante l’aumento di ingressi gratuiti. Ma possiamo fare di più”, conclude.

es_ES
it_IT
en_US