Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
10 lug

Roma, al Torrino una discarica sul ponte romano viaggio nel degrado della pista ciclabile


Sul tema interviene il coordinamento Roma Ciclabile. “È grave – dichiara Roberto Pallottini di ‘Pedalando uniti ‘ – lo stato di abbandono dei beni archeologici, ambientali, infrastrutturali che in quel sito sono straordinariamente combinati, oltre ai rischi che i cittadini corrono nel frequentarli”. “L’amministrazione comunale – aggiunge – è assente da anni. E da anni le associazioni locali e le 29 associazioni raggruppate nel ‘coordinamento Roma Ciclabile’ denunciano lo stato di questi luoghi, come purtroppo di molti altri attraversati da percorsi ciclabili. Non vengono rispettati i cittadini che usano la bici per muoversi, non viene rispettato né l’ambiente né la storia che è patrimonio di tutti.

Chiediamo che la nuova giunta della sindaca Raggi dia subito un segnale di cambiamento. A partire dalle piccole cose, come la manutenzione di ciò che esiste, per arrivare ai cambiamenti radicali di cui abbiamo bisogno, nei sistemi di mobilità come nella gestione dell’ambiente e delle risorse culturali che sono fuori dai circuiti del grande turismo. E le tre cose spesso camminano insieme. Noi possiamo aiutarla segnalando e facendo proposte concrete”.

La pista ciclabile che prosegue costeggiando il Tevere verso Ostia – costruita in occasione dei Mondiali del ’90 – è in stato di abbandono, come il ponte romano. Da mesi manca la più elementare manutenzione, la vegetazione in alcuni tratti ha invaso più di metà corsia rendendo pericoloso il percorso per i ciclisti che rischiano o di cadere, o di scontrarsi. Qualche centinaio di metri oltre il fosso del Valleranello, ci sono delle paline con telecamere messe nel 2007 dopo che alcuni senzatetto avevano ucciso a bastonate un ciclista per rapinarlo. Senzatetto che si rifugiavano proprio nelle rive fangose e zeppe di detriti attorno al ponte romano. Quelle telecamere, tuttavia, non sembrano funzionare, visto che proprio lungo la pista (sotto quegli occhi elettronici) s’è formato un nuovo insediamento abusivo di Rom. In baracche seminascoste nei canneti, abitano decine di persone che si riforniscono di acqua alla fontana della ciclabile, e spingono carrelli di metallo tipo supermercato stracolmi di cianfrusaglie. Con ogni probabilità, si sono insediati là dopo essere stati sgomberati dall’accampamento sotto il viadotto della Magliana.

es_ES
it_IT
en_US