Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
22 feb

Roma, all’Eur l’arte del tatoo è donna con “The other side of the ink”

La domanda sorge spontanea, se ci sia davvero bisogno di una convention di tatuaggio tutta al femminile. Perché nel mondo del tattoo ormai sempre più sviluppato, diffuso e raffinato, di artiste rispettatissime, che nulla hanno da invidiare ai loro colleghi uomini, e sempre più spesso a capo di studi noti ce ne sono a bizzeffe. “Ma si tratta di un fenomeno recente, per lungo tempo le tatuatrici sono state all’ombra dei tatuatori”, spiega l’organizzatore Paolo Core.

E così per il sesto anno torna “The other side of the ink”, con oltre 150 tatuatrici da tutto il mondo. La location è sempre lo Sheraton Hotel dell’Eur, le giornate due, sabato 24 e domenica 25 febbraio. Tra le ospiti più in vista la romana Irene Gipsy dello studio Korpus Domini, astro nascente del black and gray, specializzata in ritratti fotorealistici, e ancora Jackie Jex con il suo stile neo-traditional. Tra le straniere la russa Yuliya Volpe, che ha iniziato la sua carriera professionale come pittrice per poi cambiare il supporto e utilizzare la pelle al posto della tela.

Il passaggio dall’arte figurativa al tatuaggio è lo stesso di Irene Vannucci, di Pistoia, che dopo l’Accademia ha lavorato come stilista per grandi brand, scoprendo poi la sua vocazione nel vestire il corpo con l’inchiostro. Storie di passione e dedizione, come quella di Elva Stefanie: laureata in storia dell’arte e storia delle civiltà, ha cominciato la sua carriera tatuando in un piccolo appartamento di New York fino ad aprire il prestigioso studio The Blank State nella Grande Mela.

Loro, e tante altre, sono le protagoniste di “The other side of the ink”, che oltre ai tattoo presenta un corollario di eventi collaterali: dalla mostra “Vanitas e il memento mori” presentata dalla tatuatrice e artista Stefania Gala, con opere eseguite esclusivamente a penna bic, a Yoga on My Skin , progetto espositivo nato dalla collaborazione tra le curatrici Rossana Calbi e Giulia Piccioni e la galleria Parione9 di Roma che presenta le quattordici asana – le posizioni dello yoga –

disegnate con riferimenti cromatici e semantici legati al mondo del tatuaggio.

Sabato 24 febbraio inoltre si esibiranno Imi Silly Noir (burlesque), La Contessina Altieri (acrobatica), Magic Dorian Galati (illusionismo) e Red Lily, la Regina delle Corde, con uno show di bondage. Domenica 25 febbraio invece sarà il turno della violinista postmoderna H.E.R., la fachira Pretty Pistol e il suo pitone al guinzaglio, e per chiudere in grande stile il burlesque punk di Dixie Ramone.

es_ES
it_IT
en_US