Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
3 mag

Roma, ancora un bagno nella fontana di Trevi. La minisindaca: “Ora basta, serve il numero chiuso”

Nuovo bagno nella Fontana di Trevi nel cuore di Roma. E adesso basta: anche la minisindaca del centro storico di Roma, Sabrina Alfonsi, dice stop ai flussi incontrollati di turisti davanti al monumento. “Serve il numero chiuso” afferma la presidente del I municipio accogliendo così la proposta del ministro dei Beni Dario Franceschini convinto sempre più che i tornelli o i conta persone possano essere una soluzione per i siti d’arte ad alta intensità di “selfie”, come piazza San Marco a Venezia o ponte Vecchio a Firenze. Una proposta, quella del numero uno del Mibact bocciata invece dal vicesindaco del Campidoglio, Luca Bergamo che in perfetto stile pentastellato sostiene che “L’arte è di tutti e non va ingabbiata“. Alimentando le polemiche su come si possano preservare i preziosissimi e fragili gioielli dell’Italia in balia di un turismo sempre più “mordi e fuggi” e sempre più invasivo.

Tema dibattutissimo anche la scorsa estate dopo il restauro della scalinata di Trinità dei Monti, altro luogo da cartolina e monumento cult della città eterna. Al grido:” Mettiamo una cancellata, evitiamo i solti bivacchi” molti intellettuali erano scesi in campo per chiedere alla sindaca Raggi una cancellata a protezione. Se non durante il giorno, almeno durante le ore notturne. Invano. Unica precauzione contro il “mangia mangia” sui gradini tornati bianchi immacolati, grazie ai soldi della maison Bulgari, il fischiettare dei vigili. Incessante tutto il giorno.

Intanto però, il fischietto sembra non bastare alla fontana di Trevi, dove i bagni alla Anita Ekberg continuano. Protagonista questa volta della nuotata, in slip e canottiera trasparente, una turista danese di 25 anni che si è tuffata tra le acque della meraviglia barocca mercoledì sera intorno alle 19.30. La ragazza di Copenaghen fermata dagli agenti della polizia locale, è stata denunciata e multata.

Condividi

Stavolta però, la Anita Ekberg versione danese, le mutande le indossava. Le cronache delle ultime settimane infatti, raccontano di due uomini che

in diverse occasioni si sono immersi nella fontana completamente nudi. Uno ha raccontato di aver voluto regalare al pubblico una performance artistica, l’altro di essersi voluto fare soltanto una semplice bracciata in stile rana. Il risultato: le scene hanno fatto il giro del mondo e del web grazie ai turisti che hanno ripreso la scena e che ogni giorno si accalcano davanti alla vasca per fare foto o gettare una monetina nell’acqua, rito propiziatorio di sogni e speranze.

es_ES
it_IT
en_US