Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
20 mag

Roma, ancora uno sfregio ai monumenti: bagno nella fontana del Tritone, nessuno li ferma

Ancora un tuffo, l’ennesimo sfregio al patrimonio artistico e culturale di Roma. Dopo il bagno, di alcune settimane fa, di un turista che in slip si è immerso per una nuotata nella vasca della Fontana di Trevi (impresa poi emulata alcuni giorni dopo da un altro turista), ora a essere presa di mira dagli incivili è stata la fontana di piazza Barberini.

Condividi

Un monumento, opera dello scultore Gian Lorenzo Bernini, restaurato appena un anno fa e ripulito da poche settimana dalla sovrintendenza. Eppure gli interventi di cura e tutela della fontana del Tritone non hanno bloccato due uomini che, nella notte tra venerdì e sabato, hanno deciso di compiere una bravata (anzi, un atto vandalico) nel cuore della città.

Condividi

Sotto una pioggia torrenziale e incuranti della presenza di una pattuglia dei vigili urbani nella piazza, i due incivili si sono tolti scarpe e maglietta. Uno di loro ha poi preso la rincorsa, ha scavalcato la recinzione in ferro della vasca e si è gettato per qualche secondo nella fontana. Un bagno breve, uno show-lampo, giusto il tempo di poter essere ripreso dal cellulare di alcuni passanti. Immagini immortalate in un video pubblicato da un utente su Facebook e poi condiviso, sullo stesso social network, dalla consigliera radicale del I Municipio Nathalie Naim.

“Il nuovo divertimento – commenta Naim – è violare i monumenti di fronte a chi è preposto al controllo, in questo caso i vigili urbani. L’impunità è ciò che rafforza

di più quel tipo di comportamento incivile e induce altei a ripeterlo”.

Nel video si nota infatti il mancato intervento da parte degli agenti della municipale. L’autore delle riprese, poi, invece di intervenire per bloccare il tuffo dei due uomini nella fontana, esulta e applaude con gli amici urlando “davanti ai vigili, tutto davanti ai vigili”. Come se violare i monumenti fosse un’impresa da condividere, incitare e apprezzare.

es_ES
it_IT
en_US