Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
17 ott

Roma, aperta la prima Domus ecologica

E’ stata aperta ad Ostia, accanto alla scuola dell’infanzia ‘la Gabbianella’, la prima domus ecologica della capitale. Si tratta di un recinto di circa 25 metri quadri dove vengono collocati i contenitori della raccolta differenziata. L’istituto scolastico potrà conferire vetro, plastica, carta, metalli e scarti organici all’interno della struttura, realizzata essa stessa con materiali riciclati, dalle gabbie in acciaio alle pareti fatte di pietre di risulta della lavorazione del marmo fino al compost per le piante.

L’Ama ha intenzione di realizzare 1.000 domus in tutta la città entro il 2021, con un ritmo di 250 strutture l’anno. “Per noi i rifiuti sono risorse.Per questo la domus rappresenta la casa dei materiali: non sarà più possibile assistere a scene di rovistaggio e gli accessi saranno regolati. Alla base c’è una nuova visione del ciclo dei rifiuti, che deve iniziare dalle scuole per avviare da qui un percorso virtuoso. Quando queste domus saranno collocate all’interno del tessuto urbano consegneremo le chiavi a condomini”, ha detto la sindaca Virginia Raggi. Ancora Raggi: “Scatterà un gioco di squadra. Se tutti faranno bene la raccolta differenziata tutti avranno sgravi sulla Tari, se qualcuno sbaglia non si avranno”.

“L’area è accessibile attraverso un microchip ed i singoli cassonetti potranno ricevere i rifiuti solo se riconosceranno il codice dell’utente – spiega il presidente e ad di Ama Lorenzo Bagnacani – In tal modo sarà possibile collegare il quantitativo di rifiuti prodotto alla tariffa da pagare” . L’obiettivo di Ama è di eliminare i cassonetti dalle strade entro il 2021. “Quei cassonetti che non sono di nessuno e dove si verificano comportamenti tutt’altro che virtuosi e talvolta criminali – aggiunge l’ad – Roma ha l’obiettivo di essere tutta porta a porta, tra Domus ecologiche ed altre raccolte dedicate”.

“Il

nostro piano inizia ad avere concretezza – dichiara l’assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari – Siamo impegnati su più fronti, il primo è la riduzione della produzione dei rifiuti, il secondo è la raccolta differenziata e le domus rientrano nel nostro piano tra le azioni di porta a porta dedicata. Quando tutto questo sarà a regime noi potremo pagare solo l’indifferenziato che produciamo con la tariffa puntuale”.

es_ES
it_IT
en_US