Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
23 mag

Roma, Arf al Macro di Testaccio: la festa doc del fumetto

Dagli Stati Uniti al Giappone dalla Francia all’Italia c’è un fenomeno che si sta estendendo a macchia d’olio: le fiere dedicate al fumetto. Non c’è ormai città che non ne abbia una o più di una ma non tutte sono uguali. Quelle più grandi ormai trattano anche cinema, videogiochi, serie tv e hanno concorsi per il pubblico adolescente che adora indossare i panni dell’eroe o dell’eroina preferiti: i cosiddetti cosplayer (da “costume-player”). All’Arf! Invece i cosplayer non ci sono, e questo in qualche modo fa la differenza: si tratta infatti di un festival destinato a chi ama il fumetto puro che a poco a poco (siamo alla terza edizione) si sta ricavando il suo spazio. Anche il posto in cui si tiene è particolare (e molto bello) per una manifestazione del genere: si tratto del Macro a Testaccio.

Qui si potranno ammirare una serie di mostre, la più importante delle quali quest’anno, è dedicata a Milo Manara e si intitola appunto “Macromanara – Tutto ricominciò con un’estate romana”: non solo le tavole delle grandi storie del ciclo di Giuseppe Bergman ma anche quelle realizzate insieme all’amico Hugo Pratt con Tutto ricominciò con un’estate indiana e, visto che siamo a Roma, particolare attenzione ha nella rassegna il rapporto di Manara con la città eterna dalla Cinecittà di Federico Fellini (raccontata in Viaggio a Tulum) fino a I Borgia e Caravaggio.

Tra gli ospiti stranieri attenzione all’artista svizzero Cosey (vero nome Bernard Cosendai, anch’egli in mostra con altri tre colleghi d’Oltralpe), autore di un delizioso volume che reinterpreta il Topolino vintage del 1927: Una misteriosa melodia. Quando Topolino incontra Minni, che svela inediti retroscena. Si celebreranno anche due donne fumettiste: Sara Pichelli, superstar (disegna Spiderman per Marvel Usa!) tutta italiana (anzi romana visto che abita alla Garbatella) che firma anche il manifesti di Arf! e Bianca Bagnarelli, fondatrice di Delebile edizioni e autrice per l’inglese Nobrow. Li potrete vedere tutti insieme con anche il bravissimo Gigi Cavenago, oggi diventato copertinista ufficiale di Dylan Dog e a Julean Bruges (curatore della Galerie Glénat di Parigi) sabato 27 alle 11,45 in un incontro intitolato Oltre le mostre. L’altro autore straniero da scoprire è Jim, all’anagrafe Thierry Terrason, autore del graphic novel Una notte a Roma che racconta di due giovani innamorati che si promettono che, qualsiasi cosa accada nel frattempo, si vedranno a quarant’anni, il giorno del loro anniversario, per una notte a Roma. Jim, Cosey e l’altro ospite straniero Agel de la Calle (autore di Ritratti di guerra) si incontreranno sabato alle 18 in una discussione moderata dal critico Luca Raffaelli. Da non perdere anche le tre lectio magistrali di Milo Manara (venerdì), Tanino Liberatore (sabato) e Paolo Eleuteri Serpieri (domenica).

Ma gli appuntamenti interessanti sono davvero tantissimi: uno però da non perdere assolutamente è quello che chiude il festival domenica alle 18. Titolo: Ma dio c’è?. I partecipanti sono Gipi, Maicol

& Mirco, Antonucci & Fabbri e la nuova promessa che viene dall’undergound, già vincitori del premio XL al Comicon di Napoli: Angelini e Taddei che hanno appena pubblicato un volume epocale: Malloy – Gabelliere spaziale. Sentiremo parlare di loro.

Infine, non dimenticate di portare i bambini: presso Arf!Kids ci sarà un ricco programma di laboratori creativi gestiti dai più rinomati illustratori italiani e poi letture, disegni giochi.

es_ES
it_IT
en_US