Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
5 feb

Roma, arrestata “mamma borseggio”: dieci figli e 25 condanne

E alla fine “Mamma Borseggio” è stata arrestata. Con le mani quasi nel sacco e un altro bimbetto in grembo. “Vabbe’ mi avete preso”, ha detto ai carabinieri al momento della cattura in piena via Veneto, strada della Dolce Vita dai ricordi in bianco e nero. E in bianco e nero come un vecchio film con Sophia Loren ci piacerebbe raccontare la storia criminale di questa serba di 34 anni comincia tanti anni fa. E tanti figli fa. La donna infatti, cittadina serba senza fissa dimora con un ordine di carcerazione sulla testa, è stata bloccata questa mattina ed incinta del decimo figlio.

Una gravidanza via l’altra, che nel corso degli anni non le hanno mai impedito di continuare nell’arte del borseggio. Anche stamane, col pancione in evidenza, i carabinieri l’hanno bloccata dopo averla pedinata sul “64” la linea più hot della capitale – nel senso che su questo bus turisti e romani vengono puntualmente “spogliati” del portafoglio. La donna scesa dal mezzo si era appostata vicino a un fast food, da dove guardava insistentemente i movimenti dei clienti. A quel punto è scattato il controllo: trovata senza documenti, la donna è stata fotosegnalata e il confronto delle sue impronte digitali hanno fornito il racconto di una lunga carriera criminale iniziata da minorenne, nel lontano 1996.

La donna ha lasciato tracce del suo passaggio su buona parte del centro Italia, con ben 25 sentenze di condanna emesse nei suoi confronti per furti e borseggi a Milano, Roma, Firenze e l’Aquila e anche con numerosissimi “alias”. In virtù del suo “curriculum”, la Procura della Repubblica di Roma ha emesso il provvedimento di carcerazione con cui la nomade deve scontare un cumulo di pene per 8 anni e 5 mesi di reclusione.

“Vabbè…mi

avete preso”, è stato il commento della donna fatto ai carabinieri che le stavano notificando il provvedimento nella caserma di via Barberini. Subito dopo, la 36enne è stata portata nel carcere di Rebibbia, dove ha iniziato a scontare la sua pena.

In virtù del suo “curriculum”, la Procura della Repubblica di Roma ha emesso il provvedimento di carcerazione con cui la nomade deve scontare un cumulo di pene per 8 anni e 5 mesi di reclusione.

es_ES
it_IT
en_US