Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
26 dic

Roma, astici in vendita con le chele legate: E’ maltrattamento degli animali

Erano in vendita nel reparto pescheria di un supermercato all’interno del centro commerciale Roma Est, sul banco frigo. Astici vivi, piazzati sopra il ghiaccio triturato e con le chele legate. Il trattamento riservato a quegli animali, adesso, è finito sotto la lente degli inquirenti, e presto sarà un processo a stabilire un’eventuale condanna. Il gup Clementina Forleo, la scorsa settimana, ha disposto l’imputazione coatta per il titolare dell’attività commerciale: maltrattamento di animali il reato contestato. Il giudice dell’udienza preliminare, che doveva decidere sulla richiesta di archiviazione formulata dalla procura, ha rimandato gli atti dell’indagine allo stesso pm, ordinandogli di disporre la citazione diretta in giudizio per il commerciante.

Secondo il gup, infatti, la condotta di chi mette in vendita crostacei nel ghiaccio, e con le chele legate, è un reato. Ossia, fa del male all’animale stesso, che per altro potrebbe essere tranquillamente conservato con altre modalità non nocive. Non conta niente se il successivo passaggio sia la vendita e la consumazione in tavola. E neanche che, da parte del commerciante, non ci sia l’intenzionalità di fare del male, come sostenuto dal pubblico ministero nella richiesta di archiviazione. Secondo il gup Forleo il commerciante deve essere processato: “Non potendo tale condotta considerarsi consuetudine socialmente apprezzata e provocando la stessa sicure sofferenze all’animale”.

A denunciare il fatto era stato il presidente dell’associazione Animalisti italiani onlus,

Walter Caporale. Passeggiando tra i corridoi dell’ipermercato non aveva potuto fare a meno di notare i crostacei legati. Aveva scattato alcune foto e poi consegnato tutto agli avvocati Donato Iacovino e Francesco Paolo Fornario. La scorsa settimana, nell’udienza di opposizione alla richiesta di archiviazione, i due legali, rifacendosi ad una recente sentenza della Cassazione, hanno evidenziato che conservare così gli astici non è altro che un maltrattamento.

es_ES
it_IT
en_US