Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
1 mag

Roma, Atac, esposto dopo servizio Iene su furbetti cartellino

Una “voragine finanziaria di oltre un miliardo di euro”: creata, racconta la trasmissione Le Iene in una puntata andata in onda il 30 aprile, anche dai dipendenti Atac. Che entrano ed escono dagli uffici senza timbrare il cartellino, per andare al bar, a bere il caffé, a sorseggiare una birra, a giocare all’Enalotto, a fare la spesa, a comprare il grattaevinci. Uno di loro, seduto al sole al tavolino di un bar mentre beve una birra, viene anche intervistato da Filippo Roma, e spiega: “Oggi sono in congedo e sono stato in ufficio solo per caricare il cellulare”.

L’Atac, dopo il servizio sui furbetti del cartellino, ha annunciato di aver dato mandato ai propri legali per presentare un esposto nelle sedi competenti “al fine di tutelarsi”.

“Inoltre – si legge in una nota – sono state attivate tutte le iniziative utili ad accertare quanto denunciato dalla trasmissione, con la ferma intenzione di arrivare a provvedimenti esemplari qualora i fatti vengano confermati. L’azienda non tollererà in alcun modo che il comportamento di pochi dipendenti infedeli getti ombre su chi – ed è la maggioranza – lavora ogni giorno con correttezza e professionalità”.

Atac ricorda che negli ultimi tre

anni sono state elevate 400 multe, 60 sospensioni dal servizio e dallo stipendio e 3 licenziamenti in seguito alle indagini su dipendenti che timbravano e poi non entravano in ufficio. “L’azienda – conclude la nota – procederà immediatamente nei confronti del dipendente che ha rilasciato un’intervista senza aver richiesto la necessaria autorizzazione, oltre che con querela per diffamazione a suo carico per aver leso con le sue dichiarazioni l’immagine aziendale”.

es_ES
it_IT
en_US