Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
8 lug

Roma, Baldassarre incontra responsabili Baobab: “A breve soluzione per i migranti accampati in via Cupa”

La vicenda del centro Baobab e dei migranti transitanti in via Cupa è stata al centro dell’incontro di stamattina tra l’assessora alle Politiche sociali di Roma Capitale, Laura Baldassarre, e una delegazione di volontari di Baobab Experience e rappresentanti di Medu (Medici per i diritti umani). Presente alla riunione, nella sede del dipartimento capitolino Politiche sociali, anche il presidente del Municipio II Francesca Del Bello. “Ci è stato garantito, nei limiti di quelle che sono le competenze dell’assessore, che il presidio di via Cupa, seppur con tutte le criticità e i problemi, verrà sgomberato quando ci sarà un tetto per i migranti, anche provvisorio”, ha affermato Andrea Costa, uno dei volontari del Baobab.

“Si lavora per un luogo – aggiunge -che sia capace di un’accoglienza degna ai migranti in transito, in maniera strutturale, nei prossimi anni, vista l’entità strutturale del fenomeno”. Per Costa “ci si arriva tardi, l’avevamo detto un anno fa, le amministrazioni prima di questa non hanno fatto nulla per risolvere la questione. Speriamo sia la volta buona”. E a chi gli chiedeva se il luogo in questione potesse essere l’ex Ittiogenico a Tiburtina, Costa ha replicato: “Potrebbe anche essere quello. Noi abbiamo detto che risponde ad alcuni criteri e canoni di accoglienza dei transitanti, come la vicinanza a stazioni e posti di arrivo e partenze. E crediamo lì si possa costruire un’accoglienza e una solidarietà diversa verso donne, uomini e bambini in fuga da guerra, fame e povertà”

Intanto si sono svolte oggi due manifestazioni di protesta contro al presenza dei migranti in alcune zone della città. Un gruppo di attivisti di Fratelli d’Italia è in presidio davanti la tendopoli allestita dalla Croce Rossa di via Ramazzini, al cui interno sono ospitati alcuni migranti, per chiedere lo smantellamento della struttura e la ricollocazione dei suoi ospiti in altre aree meno centrali e in strutture più idonee della città.

“All’interno della sede – spiega Federico Rocca, esponente di FdI – è stata allestita questa tendopoli in accordo con prefettura e ministero dell’Interno per accogliere immigrati clandestini, perché non si tratta di rifugiati o di persone che vengono da situazioni particolari. Al momento, dovrebbero essere circa 120, ma sembrano destinati ad aumentare, considerando che su un altro piazzale stanno predisponendo altre tende”. Secondo Rocca, il problema della tendopoli è che si trova in “un’area che sta nel cuore del quartiere Monteverde, un centro abitato. Di fianco, inoltre, agli ospedali Spallanzani e Forlanini, si tratta di un quadrante particolare. Noi contestiamo – aggiunge – il fatto che non si possa istituire una tendopoli all’interno della città: sembra un campo che puoi trovare al confine della Libia”.

Condividi

A Torre Maura invece blitz “In un territorio con enormi problematiche sociali, che ospita già il maggior numero di residenti stranieri, il Ministero ha pensato bene di destinare altri immigrati al centro di accoglienza di via Condirossi a Torre Maura. La nuova giunta capitolina pentastellata, insieme a quella municipale, si facciano sentire per evitare l’ennesimo arrivo

di clandestini nel nostro territorio che ospita già 12 centri di accoglienza super affollati. Le proteste dei cittadini degli scorsi mesi non sono servite a fermare il degrado e lo scempio dei nostri quartieri. Noi, comeForza Nuova, tuteleremo e difenderemo il nostro popolo e le nostre borgate dall’invasione straniera che sta avvenendo con la complicità e il silenzio delle istituzioni”. Lo comunica, in una nota, Forza Nuova Roma Est.

es_ES
it_IT
en_US