Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
31 mag

Roma, Bernabei: “Io, morsa da un topo al ristorante”

Come una telenovela infinita, la topeide dell’Urbe è ormai diventato un genere letterario, che si arricchisce ogni giorno di un nuovo avvilente capitolo. Dopo i bambini di Tor Bella Monaca intenti l’estate scorsa a contare i ratti in fuga dai cassonetti e il quattrenne morsicato a metà aprile nel parco giochi di Villa Gordiani, stavolta è stata Matilde Bernabei, nota produttrice televisiva figlia di Ettore, storico dg Rai, nonché moglie di Giovanni Minoli, a fare le spese dell’invasione roditoria che affligge Roma.

Anche a lei è capitato quel che sempre più spesso accade nelle strade cittadine: subire l’aggressione di un ratto, che però l’assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari giura di non avere mai visto in giro. Nonostante proprio l’altro ieri un piccolo esemplare abbia tentato di fare irruzione, con tanto di foto a riprova, all’interno di palazzo Senatorio, scalando i gradini d’ingresso a Sisto IV.

“Una sera ero a cena con amici in un ristorante del centro, seduta a un tavolo all’aperto”, ricorda Bernabei. “A un certo punto ho sentito qualcosa di strano sulla caviglia e ho visto un topo che mi stava mordendo”. Una scena da film horror, che ha molto impressionato i commensali, ma non lei, che pure era la vittima. “Ho alzato la gamba e sopra c’era ‘sto topo attaccato, l’ho scacciato e lui è fuggito”.

“Per fortuna sono piuttosto coraggiosa, si sono preoccupati di più quelli che erano con me, tutti stupiti che non ne facessi un dramma”, minimizza adesso Bernabei. Anche se, certo, “è stata una brutta esperienza”, ammette, “avere un ratto addosso, sentire che ti morde non esattamente il tipo di incidente che pensi possa accadere in una grande capitale occidentale”.

Scontato l’epilogo: convivio interrotto e serata rovinata. “Ho dovuto fare la trafila che si deve seguire in questi casi. Sono andata subito al Policlinico, mi hanno fatto una iniezione e dato una terapia”.

Avventura che comunque non ha scoraggiato la presidente della Lux Vide, società di produzione di fiction con all’attivo diverse coproduzioni internazionali: “In quel ristorante ci sono ritornata, la responsabilità non è certo imputabile ai gestori, semmai al degrado in cui ormai versa la nostra città”, avverte. “Non sarà un caso se una roba del genere non mi era mai successa in nessun’altra parte del mondo e a Roma sì”. Un degrado

che non sono solo strade sporche e spazzatura tracimante dai cassonetti, ma anche “le buche “, precisa Bernabei: “Io vado in giro in motorino e una situazione di tale abbandono, una città così malridotta e poco manutenuta, francamente non me la ricordo. Per accorgersene basta fare un salto a Milano. La Roma che viviamo oggi è molto peggio di quella di alcuni anni fa. Siamo stati superati da molte altre città: meno belle, ma più curate”.

es_ES
it_IT
en_US