Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
17 mag

Roma, chiese tangente da mille euro a una onlus: funzionario della Regione condannato per induzione indebita

Un anno e quattro mesi di carcere per aver chiesto una mazzetta ad un’onlus. È questa la pena che è stata inflitta, in primo grado, ad Ascenzo Cimaglia, 66 anni, funzionario della regione Lazio, condannato per induzione indebita.

Lo avevano beccato, il 15 gennaio 2015, proprio mentre intascava una tangente di mille euro che avrebbe poi utilizzato per l’acquisto di una caldaia di casa. Cimaglia, era in servizio nella Direzione per lo sviluppo economico e le attività produttive, e si occupava di Commercio e servizi al consumatore. La mazzetta era stata chiesta al responsabile di una onlus che avrebbe poi beneficiato di finanziamenti.

L’arresto, eseguito dal Nucleo di polizia tributaria della finanza, era scaturito proprio dalla denuncia presentata dal responsabile della onlus che lavora nel settore della tutela dei cittadini e dei consumatori. In pratica il funzionario dopo un iniziale atteggiamento ostruzionistico, motivato con la necessità di applicare una serie di nuove norme, avrebbe chiesto il denaro con il pretesto di “esigenze personali”, e paventato possibili future ispezioni nei confronti dell’associazione, se non

fosse stata pagata la bustarella.

Da qui il piano coordinato dal pubblico ministero Giuseppe Deodato per incastrarlo: l’appuntamento con Cimaglia era stato monitorato attraverso l’installazione di micro telecamere mobili in grado di registrare le immagini e l’audio dell’incontro. Lo scambio della mazzetta, in banconote da 20 e 50 euro, venne così ripreso in diretta. Subito dopo intervennero i finanzieri, che arrestarono il funzionario.

es_ES
it_IT
en_US