Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
17 nov

Roma, dagli informatori segreti agli agenti tuttofare ecco l’esercito di Carminati

Nell’esercito del nero Carminati c’è un mondo di mezzo fatto di divise. Uomini dello Stato, poliziotti e carabinieri, che hanno fatto quadrato attorno al Cecato. C’era chi lo informava di indagini su di lui e chi gli sbrigava la pratica per il passaporto. Chi lo accompagnava a visitare terreni da acquistare e chi si spendeva con importanti costruttori della città per fargli avere case in affitto. Chi gli offriva informazioni su certificati penali e chi gli procurava congegni elettronici per intralciare intercettazioni ambientali. Una rete di “buoni e insospettabili” che hanno garantito a uno dei Re di Roma di girare a testa alta per la città e a rafforzare il suo potere. Quel potere che 4 giorni fa ribadisce dal carcere, avvisando: “Ora sono il diavolo, ma con me prima parlava tutto il mondo”.

Il Blog – La mossa del Cecato

GLI INFORMATORI L’ordinanza Mondo di Mezzo racconta di due poliziotti in borghese intercettati al distributore di corso Francia. Parlano con Carminati e gli svelano che la procura sta indagando su di lui. Lo mettono in guardia, informazioni che valgono oro e che consentono al Cecato di muoversi con più cautela. Chi sono? Si tratta di due agenti del commissariato Ponte Milvio, autisti e uomini ombra dell’allora dirigente del commissariato. Sarebbero loro le talpe. E, all’arrivo del questore D’Angelo sono stati spostati da lì, anche se per oltre un anno sono rimasti al loro posto.

L’AUTISTA TUTTOFARE “Tranquillo, ti faccio tutto io”. Salvatore Nitti, ispettore ora in pensione, sempre del commissariato Ponte Milvio, ascoltato in udienza lo scorso lunedì come teste di Lacopo (gestore del distributore di corso Francia), ha ammesso, come fosse una cosa naturale, che lui faceva favori a Carminati. Il Cecato lo chiama e lui si mette a sua completa disposizione: lo accompagna quando non ha la macchina, gli dà appuntamento in ufficio e lo mette in contatto con il costruttore Pantanella per fargli affittare un appartamento per il figlio.

IL TECNICO ANTI-INTERCETTAZIONI Massimetto la Guardia, così Brugia e Carminati chiamavano Massimo Ursini, agente di polizia che ha procurato loro un congegno elettronico che contrastasse eventuali intercettazioni ambientali. Poi c’era Giampaolo De Pascali, in servizio alla presidenza della Repubblica per cui è stato predisposto un avviso di conclusione indagini per corruzione.

QUESTORI IN FINMECCANICA Tommaso Profeta, vicequestore della polizia di Stato, già capo della Protezione Civile romana in giunta Alemanno, è stato ascoltato come teste lo scorso 8 novembre. Il pm Luca Tescaroli ha chiesto la trascrizione della sua deposizione; evidentemente c’è qualcosa che non lo convince. Nominato al vertice

della sicurezza di Finmeccanica e alle dirette dipendenze del presidente Gianni De Gennaro (ex capo della polizia)non sembra essere legato a Carminati se non per la stessa passione per Finmeccanica. “Lo sai perché Massimo è intoccabile? – dice Buzzi in una telefonata – Perché era lui che portava i soldi per Finmeccanica! Bustoni di soldi! A tutti li ha portati Massimo! Non mi dice i nomi perché non me li dice…tutti! Finmeccanica! Capito?”

es_ES
it_IT
en_US