Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
1 mag

Roma, il tributo a Charlie Parker del Vittorio Cuculo quartet

Un omaggio al ”Bebop”, un tributo al jazz dalle atmosfere parkeriane (sul solco di Charlie Parker) ma anche una rivisitazione personale di celebri ”standard”. Sarà un progetto itinerante quello del Vittorio Cuculo Quartet, il sassofonista romano di 22 anni che si sta affermando come una delle promesse del jazz nazionale. A completare il gruppo tre jazzisti anche loro giovani ma già affermati nel circuito romano: il pianista francese Raphael Heudron, Francesco Criscuoli al contrabbasso e Paolo Mignosi alla batteria.

Il quartetto si esibirà in tre date a Roma nel mese di maggio. Martedì 3 maggio (dalle 22.00) si potrà ascoltare il Vittorio Cuculo Quartet al ”Be Bop” di via Giuseppe Giulietti 14, a Piramide. Poi il 15 maggio al Pentagrappolo di via Celimontana 21 e il 24 maggio all’Elegance Cafè di via Veneto. Una musica energica, piena di passione, un segnale che il jazz italiano è più vivo che mai. Il gruppo si è affermato nei locali romani dove è seguito dagli appassionati ma anche dai neofiti. Vittorio Cuculo suona con una totale padronanza del suo sax con accelerazioni tipiche della musica del grande ”Bird” ma anche con una fraseggio rarefatto fatto di poche note che caratterizzano le famose ”ballad” della musica afroamericana. Il quartetto suonerà anche dei pezzi scritti dal pianista Herbie Hancock, il celebre compagno di musica del mitico Miles Davis. Una musica, quella di Hancock, ormai entrata nel linguaggio del jazz classico con brani affascinanti e preziosi come ”Maiden Voyage” o ”Cantaloupe

Island”.

Un segnale forte, quello del Vittorio Cuculo Quartet, della bontà del jazz romano che è tornato di moda ed è suonato da una folta schiera di giovani e preparati musicisti. A Roma ogni sera è possibile ascoltare un concerto in locali diversi seguiti dalle classiche ”jam sessions”: quando al gruppo base che ha tenuto il concerto si affiancano altri musicisti per improvvisazioni collettive. Ore piccole a suon di Jazz.

es_ES
it_IT
en_US